Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Profitti digitali

Perchè Microsoft vuole a tutti i costi Yahoo? E perchè Yahoo ha rifiutato l’offerta di più di ventotto miliardi di euro? Forse è necessaria una chiave di lettura che non ho ancora trovato sui giornali italiani. Si deve cominciare chiedendosi chi trae profitto da Internet.

Fino a qualche anno fa i giganti della Rete si contavano sulle dita di una mano. Oggi sono migliaia i siti che finanziano la loro attività grazie ai new media. I giganti sono i sopravvissuti all’esplosione della “bolla” del marzo 2000. eBay, Google e Yahoo hanno ripianato le perdite e, dopo aver raggiunto l’equilibrio finanziario, hanno ripreso presto a guadagnare. Altri, come Amazon, ci hanno messo più tempo.

Come fanno soldi in Rete, questi giganti? Le strade sono due e proseguono parallele, senza intralciarsi. La prima punta a proporre contenuti o servizi gratuiti che attirano milioni di utenti, ritenuti un target appetibile per gli investitori pubblicitari.

Google catalizza il trenta-quaranta per cento della pubblicità in rete grazie ai link sponsorizzati. Chi vuole posizionarsi ai primi posti nei risultati delle ricerche, deve pagare.

Yahoo, MSN e AOL privilegiano i portali ricchi di informazioni, che attraggono banner pubblicitari e link sponsorizzati.

L’altra strada è quella del commercio elettronico. Amazon ha cominciato a vendere libri e poi ha diversificato la sua offerta, proponendo l’acquisto di automobili, mobili da giardino, gioielli e tanti altri prodotti. Così ha cominciato a fare concorrenza a eBay che, per difendersi, ha moltiplicato le proposte. Non più soltanto aste fai-da-te ma anche negozi che vendono merce non usata a prezzi fissi.

Microsoft ha bisogno dunque di Yahoo per diversificare, entrare prepotentemente nel Web dopo aver constatato che MSN e Live Search non sono mai diventati veri competitori di Google.

Aspettiamo la prossima mossa.

 


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da Pino Bruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
maggio: 2008
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031