Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

La pubblicità? E’ come la televisione. Troppa fa male

La pubblicità è come la televisione: se è troppa fa male e provoca un effetto boomerang. Sono tra quelli che non acquistano i prodotti pubblicizzati con spot deficienti o volgari. Mi infastidiscono i giornali zeppi di réclame e, spesso li getto nel cestino senza leggerli. Non guardo i programmi conditi da una lunga serie di interruzioni, che mi fanno dimenticare cosa era successo prima del break. Protesta èlitario-solitaria, che non produce effetti concreti eppur mi fa stare meglio. Adesso c’è una ricerca su Internet e la pubblicità, condotta da [email protected], il Laboratorio di ricerca e pratica pubblicitaria dell’Universita’ di Udine a Gorizia.

I 244 utenti Internet, in maggioranza residenti nel Nord-Est, che hanno partecipato al sondaggio on-line, dicono che e’ troppa, invadente e ostacola la navigazione. La ricerca ha evidenziato che i principali ostacoli all’efficacia persuasiva della pubblicita’ nei siti ‘Social Network’,  potrebbero nascere proprio dall’eccessiva quantita’ di pubblicita’, dalla sua invadenza e dal rischio percepito di violazione della privacy.

Finanziata dall’Universita’ di Udine, la ricerca e’ stata svolta tra aprile e giugno con metodo Cawi (‘Computer Aided Web Interview’), ovvero questionario somministrato via computer. E’ stata coordinata da Giovanni Lunghi, docente di Economia delle aziende pubblicitarie e responsabile di [email protected], con la supervisione scientifica di Luca Brusati del dipartimento di Finanza dell’impresa e dei mercati finanziari.

Sebbene il campione abbia manifestato valenze tendenzialmente positive nei confronti della comunicazione commerciale sia in termini informativi sia di intrattenimento – ha detto Lunghi – gli indici sviluppati per misurare l’accettabilita’ della pubblicita’ in generale su internet e, specificamente, negli spazi personali dei Social Network, hanno rilevato una tendenza verso valori negativi. Il campione ha manifestato segnali di preoccupazione anche per quanto riguarda gli effetti sociali che la comunicazione commerciale potrebbe avere, sia in termini di incitamento al consumismo sia in merito alla diffusione di modelli e comportamenti sociali negativi“.

Resta da capire qual’è la pubblicità che fa bene e sta bene alla rete, perchè altrimenti molti siti ben fatti non sopravviverebbero.

 


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da Pino Bruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
luglio: 2008
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031