Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Shopping on line in agrodolce

Due recenti esperienze di acquisti in rete. Su Ebay e su Saninforma. La prima lenta ed estenuante, a causa del solito furbetto. La seconda rapida e confortante. Due riflessioni.  Ancora oggi, anche per un buyer navigato, Internet è ricca di insidie. Bisogna avere quattro occhi aperti, pazienza e grinta per non cedere ai tentativi di sopruso. Con le dovute eccezioni, ovviamente.

L’altro ieri ho fatto shopping su eBay. Ho trovato ciò che cercavo, da un venditore inglese. Un Compro Subito. Spese di spedizione per l’Italia, 3,99 GBP. Al momento del checkout con Paypal, arriva la sorpresa: spese di spedizione quasi triplicate: 12,99 GBP. Non pago. Scrivo per protestare. Nulla. Scrivo a eBay. Mi rispondono con la solita solfa: faremo accertamenti, eccetera. Si, ma intanto che faccio? Pago o non pago? Decido di no. Tempesto di messaggi il venditore. Dico anche che ho segnalato la scorrettezza a eBay. Il venditore tergiversa, poi mi riduce le spese a 6,99 GBP. Non ci sto. Riscrivo. Gli mando la pagina dell’asta per ricordargli che le spese per l’Italia erano indicate chiaramente.

La trattativa si è conclusa poco fa. Ovviamente l’ho spuntata io: 3,99 GBP. Adesso vedremo se il prodotto arriva, ma c’è sempre il paracadute di PayPal e, visto il carteggio, non dovrei aver problemi  ad essere rimborsato. Che fatica, però! Si possono perdere due giorni per farsi valere? Perchè eBay non assiste più celermente, in casi come questo?

Dell’agro ho parlato. Adesso il dolce. Da molti anni acquisto su Saninforma, il brand on line delle Farmacie Comunali Riunite di Reggio Emilia. Il form è usabile, il checkout impeccabile, la spedizione ultrarapida. Due giorni dopo l’ordine, la merce è già a casa.

I venditori digitali dovrebbero andare a scuola da loro. Ne trarremmo tutti vantaggi.


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da Pino Bruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
luglio: 2008
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031