Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Timore per la sorte del dissidente Hu Jia (胡佳)

Sono molto peggiorate le condizioni di salute di Hu Jia (胡佳), attivista per i diritti umani detenuto dal dicembre 2007 e condannato lo scorso 3 aprile a 3 anni e mezzo di carcere per aver criticato il governo. Uman Rights Watch denuncia che in carcere Hu rischia la vita e chiede pure che finisca la stretta sorveglianza verso sua moglie Zeng Jinan (曾金燕), agli arresti domiciliari da mesi con la figlia neonata Qianci.

Hu, 34 anni, è noto nel Paese per le sue battaglie a favore dei malati di Aids. Ha sempre combattuto per uno sviluppo democratico della Cina, per un’assoluta libertà religiosa nel Paese e per una revisione della situazione del Tibet, che “dovrebbe essere libero di decidere del suo futuro”. Con il tempo è diventato anche una sorta di punto centrale della dissidenza cinese: ha raccolto articoli, preparato ricorsi legali e presentato alla comunità internazionale l’opera di tutti gli altri oppositori del regime. Ha collaborato con i media stranieri e con le ambasciate, fornendo materiale sulle violazioni ai diritti umani commesse dal Partito comunista.

 E’ in carcere per “istigazione alla sovversione contro lo Stato” per avere criticato il governo per le violazioni di diritti commesse durante l’organizzazione delle Olimpiadi. E’ stato condannato in un processo in cui gli sono stati limitati persino gli incontri con l’avvocato. Il suo arresto è avvenuto nella vera campagna contro i difensori dei diritti che ha preceduto i Giochi di Pechino. Hu soffre di cirrosi epatica, dovuta a una cronica epatite B. La moglie Zeng ha documentato sul suo blog il peggioramento della salute in carcere, ma le autorità di sicurezza hanno più volte negato cure mediche presso un centro specializzato.

Da ultimo, il 16 settembre hanno risposto a Zeng che il marito non può ricevere permessi medici perché “è disobbediente”, rifiuta di stare “tranquillo” e viola le regole della prigione. Per questo Hrw chiede l’immediata liberazione di Hu, o almeno che sia portato dove può ricevere le necessarie cure mediche. In prigione gli sono anche confiscate le lettere che scrive e sono proibite visite della moglie e di altri parenti, perché – hanno detto a Zeng – “insiste a dare consigli su come migliorare la [vita in] prigione e non rinuncia a sostenere i diritti umani, così che crea problemi per il personale e la direzione del carcere”.

Zeng è agli arresti domiciliari dal 18 maggio 2007, insieme alla figlia di 10 mesi, sottoposta a rigida sorveglianza della polizia. Hrw denuncia che in Cina gli arresti domiciliari sono irrogati in via extragiudiziale senza una condanna. Il 7 agosto 2008, giorno prima dell’inizio delle Olimpiadi, la donna è stata portata in modo coatto e senza poter avvertire nessuno nella città costiera di Dalian, dove è stata fino al 23 agosto, giorno prima del termine dei Giochi. “Per 16 giorni – ha poi scritto nel blog – non ho saputo nulla del mondo. Solo funzionari con uniformi della polizia nel cortile”. Sophie Richardson, responsabile di Hrw per l’Asia, spiega che “la sorveglianza ininterrotta di Zeng e della figlia non solo viola diritti fondamentali, ma è una punizione collettiva per le attività di Hu”.

(fonte: Asia News)

 

 


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da Pino Bruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
ottobre: 2008
L M M G V S D
« Set   Nov »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031