Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Nasce l’Intergruppo Parlamentare 2.0

Divisi dalla politica, uniti dalla convinzione che il web sia una “risorsa imprescindibile per il futuro del Paese”. Paola Concia (Pd), Roberto Cassinelli (Pdl), Massimiliano Fedriga (LN), Nicola Formichella (Pdl), Sandro Gozi (Pd), Beatrice Lorenzin (Pdl), Matteo Mecacci (radicali), Federica Mogherini (Pd) Alessia Mosca (Pd), Vinicio Peluffo (Pd), Vincenzo Vita (Pd), Pierfelice Zazzera (Idv) hanno dato vita all’Intergruppo Parlamentare 2.0. Ben venga, se l’iniziativa può ostacolare la deriva liberticida di alcune strampalate proposte di legge.

“Scopo dell’Intergruppo 2.0 – si legge nella presentazione dell’iniziativa – è  promuovere un confronto tra politica, imprese e cittadini sul Web 2.0, cioè di tutte le applicazioni che permettono l’interazione sito-utente, ed i suoi strumenti, al fine di sfruttarne al meglio le opportunità per l’intero sistema Italia in termini di sviluppo economico, culturale, e democratico: prima di legiferare bisogna capire e dialogare“.

“Noi vorremmo che la rete diventasse più familiare per tutti e con meno pregiudizi” ha spiegato Paola Concia nel corso della conferenza stampa, augurandosi di poter arrivare ad “una visione più ‘laica’ della rete”.

“In un contesto in cui competitivita’ e innovazione sono al centro del dibattito politico e degli sforzi per
uscire dalla crisi -si legge in una lettera che i parlamentari hanno inviato ai presidenti di Camera e Senato- il web 2.0 e piu’ in generale la rete Internet rappresenta un’opportunita’ alla quale l’Italia non puo’ rinunciare”. Un’opportunita’, avvertono, che “deve essere analizzata e promossa anche a livello parlamentare” individuando e affrontando a “livello legislativo gli ostacoli al suo sviluppo”.

Secondo i parlamentari coinvolti, Internet e’ fonte di opportunita’ in campo economico, perche’ il web 2.0 apre prospettive per il sistema produttivo italiano costituito da piccole e medie imprese; in campo culturale, perche’ consente una produzione e condivisione di contenuti prima inimmaginabili e offre agli autori
nuove possibilita’ di diffondere e ‘monetizzare’ i propri contenuti; in campo politico, perche’ fornisce strumenti per l’interazione diretta, libera e immediata tra cittadino e decisore, allargando la partecipazione democratica.

L’intergruppo vuole essere cosi’ “una piattaforma di confronto volta a promuovere soluzioni condivise in termini di regolamentazione” a una serie di eventi sui temi relativi al web. Tra le iniziative, l’intergruppo si propone di lanciare una vasta consultazione online che coinvolga tutti i soggetti competenti o legati al web per conoscere e capire meglio le dimensioni e i soggetti del mondo 2.0 per arrivare a regole condivise su temi come la liberta’ di espressione, la privacy, l’identita’ in rete, il diritto d’autore. Al termine dell’indagine sara’ predisposto un ‘libro bianco’ destinato ai vertici parlamentari e governativi.


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da Pino Bruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
aprile: 2009
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930