Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

La contesa per il governo di Internet è appena ri-cominciata

0000000549bChi governerà la rete ? Il 30 settembre il Dipartimento Usa per il commercio, dovrebbe esprimersi sull’attualità del Joint Project Agreement (JPA), in vigore dal settembre 2006. E’ l’accordo che permette agli Stati Uniti di porre il veto a eventuali modifiche alla governance di Internet. Se nessun paese impugnerà l’accordo, il malcontento strisciante potrebbe sfociare in clamorose proteste.

E’ in ballo l’esistenza stessa della rete, così come la conosciamo, vale a dire una e indivisibile. Tutto deriva dall’origine di internet, cioè una rete creata dalla Difesa americana durante la guerra fredda, poi ceduta per usi civili. Gli Stati Uniti non hanno mai rinunciato al controllo di questa infrastruttura strategica.

La creazione dell’ICANN ( Internet Corporation for Assigned Names and Numbers ), nel 1998, ha sciolto il nodo solo in parte. L’ICANN, infatti, non svolge un ruolo meramente tecnico, nell’attribuire i domini internazionali. Di fatto l’organismo si identifica con l’amministrazione americana, anche se opera “in collaborazione costruttiva con i rappresentanti degli utenti di tutto il mondo”. L’accordo con il Dipartimento del commercio – che doveva essere temporaneo – è stato sempre prorogato e adesso, alla fine di settembre, dovrebbe essere rinegoziato.

il governo di Internet

il governo di Internet

A Washington c’è chi preme per ulteriori proroghe. “Dobbiamo mantenere il controllo di Internet. E’ una questione di sicurezza nazionale”, sostiene il senatore del Nebraska Terry Lee. I primi segnali di irritazione arrivano dalla Francia. Il ministro per l’economia digitale, Nathalie Kosciusko-Morizet – in un’intervista al settimanale L’Express – esplicita la sua insoddisfazione.

“Abbiamo bisogno di un governo che rispetti il multilateralismo e consenta a ogni Stato di essere ascoltato –  dice  Nathalie Kosciusko-Morizet . Ciò incoraggerebbe i paesi europei a definire una posizione comune. Ma si andrà anche oltre, coinvolgendo ogni utente. Questa sarà l’unica strada percorribile su questioni come la lotta contro la criminalità informatica, il rispetto per la libertà di espressione o il diritto alla privacy”.


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da RG

  • Personalmente penso che l'Icann dovrebbe essere gestita dall'ONU e dovrebbe avere 15 membri nel consiglio direttivo su base regionale e a rotazione, un po' come il consiglio di sicurezza Onu, ma senza membri permanenti, anche se mi rendo conto che questa, al momento, e' utopia…

  • Pingback: La contesa per il governo di Internet è appena ri-cominciata()

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
settembre: 2009
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930