Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

La prossima guerra mondiale? Sul web

Si potrebbe archiviare la notizia come una boutade di fantascienza e fantapolitica, se la fonte non fosse così autorevole. La prossima guerra mondiale potrebbe cominciare nel cyberspazio, cioè nel mondo invisibile delle reti telematiche. Lo dice a Ginevra il segretario generale della ITU (International Telecommunication Union), Hamadoun Touré. La ITU è l’agenzia speciale delle Nazioni Unite che governa gli standard delle telecomunicazioni mondiali. Touré si dice preoccupato per la recrudescenza delle azioni di disturbo e boicottaggio delle reti. Episodi sempre più frequenti, che spesso i giornali liquidano come notizie di colore e che invece non andrebbero presi sottogamba. L’economia mondiale gira grazie alle reti telematiche e i nemici digitali diventano sempre più bravi e aggressivi. Sotto attacco banche, centri nevralgici della comunicazione, siti aziendali, social network.

Cyber guerre

Cyber guerre

Dice Hamadoun Touré che “l’inizio di una tale guerra non convenzionale potrebbe essere di fuori del controllo della diplomazia tradizionale, perché nel cyberspazio non ci sono superpotenze. Ogni cittadino è una superpotenza”. Chiunque sia in possesso di grandi abilità informatiche “potrebbe esercitare potere in una battaglia virtuale, come dimostrano i recenti attacchi Denial-of-Service contro obiettivi in tutto il mondo”.  

“L’esperienza delle guerre convenzionali – sostiene Touré – dimostra che che il modo migliore per vincerle è non cominciarle affatto”.  Per questo l’ITU sta lavorando ad un programma ambizioso mondiale  per la sicurezza informatica e la pace.

“Entro la fine del prossimo anno – assicura il segretario generale della ITU – dovremmo essere in grado di raggiungere un accordo globale con tutti i paesi per proteggere i cittadini online, togliere ai cyberterroristi i porti sicuri assicurati loro da alcune nazioni, e stroncare gli attacchi on line prima che avvengano”.

Purchè non si approfitti della guerra ai criminali digitali per comprimere le libertà dei cittadini digitali.


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da RG

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
ottobre: 2009
L M M G V S D
« Set   Nov »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031