Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Lo strano caso del Kindle di Amazon in salsa europea

In Gran Bretagna se lo stanno chiedendo. In Italia ancora no. Il Kindle di Amazon arriva in Europa ma sarà spedito direttamente dagli Stati Uniti. Anche nei paesi in cui esistono negozi nazionali Amazon. L’acquirente si deve far carico delle spese doganali. Opinabile, ma – fin qui – nulla di particolarmente anomalo. Il nodo cruciale – fa notare Bobbie Johnson sul Guardianè un altro. Chi paga i costi di connessione wireless (non via internet, bensì sulla rete di telefonia mobile)?

Amazon ha già fatto accordi con un gestore britannico (stessa domanda da porsi in Italia)? Bobbie Johnson fa due conti in tasca ai potenziali acquirenti inglesi.

Il farraginoso sistema adottato da Amazon per l’operazione (colonizzazione?) europea funziona più o meno così. Per scaricare i libri, dopo averli acquistati, si usa il servizio Whispernet Wireless,  in collaborazione con la telecom americana AT&T.

AT&T non ha filiali all’estero, dove ha solo accordi di roaming.  Dunque – si evince – chi acquista il Kindle in Gran Bretagna (o in Italia, in Germania, in Francia, eccetera), deve farlo in modalità Whispernet Wireless, pagando i costi aggiuntivi di roaming.

Il giornalista del Guardian  mette mano alla calcolatrice e scopre che per scaricare un libro di 1.2 MB ci vogliono circa 23,40 dollari. Possibile?  Bobbie Johnson dice che Amazon smentisce e rassicura gli utenti stranieri. Nessun costo aggiuntivo per il download. Già, ma chi paga allora? Chi sovvenziona questa espansione internazionale di Amazon?

A quanto pare la risposta non c’è. Forse in Italia dovrebbe cominciare ad occuparsene qualche Authority. Insisto. Qualcuno sa qual è il gestore di telefonia mobile italiano con cui Amazon ha fatto accordi di roaming per consentire l’uso di Kindle? E quanto costerà, da noi, scaricare un libro?

Integrazione delle 13.55

Qualcuno, in realtà, si interroga anche da noi.


Twitter: @pinobruno

  • Pingback: Internet in roaming: scatta la tutela dell’Unione Europea | Video Folli()

  • Great post, thanks. I've enjoyed your blog for quite awhile and I should comment more.

  • @ francesco. Non sono sicurissimo perchè non l'ho mai avuto tra le mani, ma credo che sia possibile scaricarlo solo attraverso il servizio Amazon Whispernet:

    Kindle Price: $13.79 includes VAT & international wireless delivery via Amazon Whispernet

  • francesco

    appunto….come scrivevo poco fa "Evidentemente questo aggeggio funziona con la sim di amazon e amazon si sobbarca il costo del roaming che ti carica sul prezzo del libro"

    però ancora un paio di cose non capisco: perché ostinarsi a voler comprare il libro 'telefonicamente'? in quanto utente 'non USA' costerà di più anche acquistarlo in rete?

    Se non ho capito male si può comprare online e caricare il lettore come un qualunque lettore mp3. Mi sbaglio?

  • @ francesco: comprare in Europa un libro per Kindle costerà circa il 40 per cento in più, 4 dollari in più. Queste sono le tariffe ufficiali pubblicate sul blog di Kindle:

    http://blogkindle.com/2009/10/international-relea

    Ecco cosa scrive oggi Valerio Porcu su Tom's Hardware Guide:

    Amazon ha ammesso che noi utenti europei pagheremo di più, per usare il Kindle. I dubbi sono emersi praticamente subito, quando si è saputo che il lettore di e-book sarebbe stato venduto anche nel Vecchio Continente.

    In molti, infatti, ci eravamo chiesti se Amazon fosse riuscita a strappare un qualche tipo di accordo ai grandi operatori europei, come Vodafone, Telefonica, Telecom o Orange, per offrire ai lettori la possibilità di usare gratuitamente la connessione dati 3G del Kindle.

    Grandi speranze, infrante su un muro di bilanci. Acquistare un libro tramite il Kindle, infatti, costerà circa il 40% in più a chi vive fuori dai confini statunitensi. La tabella dei prezzi è stata, astutamente, inserita nel blog ufficiale, e unita all'annuncio sulla vendita internazione del Kindle 2.

    Ce lo potevamo aspettare; però un e-book è un documento relativamente leggero, possibile che i costi aggiuntivi siano così alti? Davvero scaricare un libro in Europa, e nel resto del mondo, costa 4 dollari in più? E poi, la sessa cifra in tutto il mondo?

    L'ipotesi più credibile è che Amazon, di fronte all'impossibilità di un accordo con gli operatori europei, si affidi al roaming internazionale di AT&T. In questo caso 4 dollari per pochi KB non sono certo una sorpresa; anzi, rispetto ai prezzi di AT&T si potrebbe anche dire che sia una tariffa scontata.

    A questo punto la decisione sta al consumatore: per un Kindle bisogna spendere un minimo di 203 euro, e poi ci vorranno 14 dollari per ogni libro, se si decide di acquistarlo da Amazon. Una scelta difficile, soprattutto se si considera che ogni giorno ci sono più alternative, forse meno valide, ma anche meno costose.

  • francesco

    Copio-incollo dal sito Amazon:

    Free Wireless: Free 3G wireless lets you download books right from your Kindle. No monthly fees, service plans, or hunting for Wi-Fi hotspots.

    E ancora

    Amazon provides wireless connectivity free of charge to you for certain content shopping and downloading services on your Device. You may be charged a fee for wireless connectivity for your use of other wireless services on your Device, such as Web browsing and downloading of personal files, should you elect to use those services. We will maintain a list of current fees for such services in the Kindle Store. etc…

    Evidentemente questo aggeggio funziona con la sim di amazon e amazon si sobbarca il costo del roaming che ti carica sul prezzo del libro…a questo punto a te non interessa chi sia il gestore ne' a che tariffe poiché non le paghi tu.

  • francesco

    @Pino scusa Pino ma cosa c'entra il roaming? il roaming è quando tu vuoi telefonare usando il tuo gestore essendo all'estero, il tuo telefono per ovvi motivi fisici non si collega all'antenna del tuo gestore ma a quella di un gestore che 'ospita' i suoi collegamenti, il tuo gestore paga per questo un 'affitto' che scarica su di te.

    Se, come penso, questo oggetto usa la rete gsm/gprs/3G, come canale fisico questo non vuol dire che tu dovrai 'telefonare' usando un gestore USA dall'Italia fino a casa del signor Amazon, ma semplicemente scaricherai (pagandolo) un libro come se lo scaricassi da internet. In questo caso pagherai il libro e la connessione al tuo gestore (italiano)non pagherai roaming. Come succede ora se usi il tuo cellulare per acquistare un libro di carta su amazon.com. Continuo a non capire cosa c'entra il roaming.

  • @ francesco. Infatti! Il problema è proprio questo. Amazon non ha chiarito chi è il gestore nazionale e quali sono le tariffe di roaming!

  • francesco

    scusa ma essendo il kindle un oggetto che si collega alla rete 3G basta pagare a un gestore nazionale la tariffa che si paga per la connessione ad internet come avviene collegandosi con un normale cellulare…non capisco il problema del roaming. Se del mio telefono vado sul sito amazon.com entrando in rete con un provider italiano mica pago il roaming fino agli USA…forse mi sfugge qualcosa?

  • Pingback: Il libro è morto, viva il libro()

  • Pingback: Lo strano caso del Kindle di Amazon in salsa europea()

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
ottobre: 2009
L M M G V S D
« Set   Nov »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031