Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

SARTRE, ovvero l’automobile esistenziale del futuro

Chissà cosa avrebbe pensato l’icona dell’esistenzialismo e dell’anticonformismo, Jean Paul Sartre, di un progetto per l’automobile intelligente ed ecologica del futuro che porta il suo nome. L’acronimo SARTRESAfe Road TRains for the Environment – è un progetto finanziato dalla Commissione Europea. Tra dieci anni potrebbero entrare in produzione automobili con il pilota automatico, in grado di evitare incidenti e ridurre  consumi di carburante ed emissioni di CO2.

Come funzionerà SARTRE

Come funzionerà SARTRE

Ci crede l’Europa, che mette i soldi, ci credono capofila e partner del progetto, l’azienda britannica Ricardo UK Ltd, le imprese spagnole Idiada e Robotiker-Tecnalia, l’ente tedesco Institut fuer Kraftfahrwesen Aachen (IKA), l’Istituto svedese SP per le ricerche tecniche e le svedesi Volvo Car Corporation e Volvo Technology.

A SARTRE si lavora per sviluppare e sperimentare veicoli in grado di guidarsi da soli in lunghi convogli sulle autostrade. Le prime auto verranno collaudate su percorsi di verifica già nel 2011. Saranno equipaggiate con un sistema di navigazione e un’unita’ ricetrasmittente in grado di comunicare con un veicolo capofila. Lo schema prevede che ciascun convoglio stradale, o plotone (composto da sei o otto veicoli), disponga di un veicolo capofila che procede normalmente, con un controllo completo su tutte le varie funzioni, guidato da un conducente esperto che conosce a fondo il percorso.

Il ruolo di capofila potrebbe essere svolto da un taxi, un autobus o un camion. Il vantaggio è evidente. Tutti gli altri conducenti potranno dedicarsi ad altre attività durante il viaggio. Insomma, leggere il giornale o guardarsi un film mentre si va al lavoro.

“Mi rendo conto che a molti questa idea puo’ sembrare un’utopia – dichiara Erik Coelingh, responsabile tecnico delle funzioni per la sicurezza attiva presso Volvo Cars – ma questo tipo di guida autonoma non richiede in realtà alcuna tecnologia magica, ne’ alcun investimento per infrastrutture. L’accento viene invece posto sull’ulteriore sviluppo e sull’adattamento di tecnologie già esistenti. Occorre inoltre svolgere collaudi completi per verificare il rispetto degli elevati requisiti di Volvo Cars in fatto di sicurezza”.


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da RG

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
ottobre: 2009
L M M G V S D
« Set   Nov »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031