Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

GPS per far trovare l’acqua a chi attraversa clandestinamente la frontiera Messico-Usa

Far trovare l’acqua ai migranti che rischiano di morire di sete attraversando illegalmente la frontiera tra Messico e Stati Uniti. Come? Con un telefono cellulare da trenta dollari, dotato di GPS interno grazie ad un software creato da un team di volontari – informatici e artisti – dell’Università della California. Con la loro iniziativa, Ricardo Dominguez , Brett Stalbaum, Amy Sara Carroll, Micha Cárdenas, Jason Najarro, Elle Mehrmand e Diana Le stanno suscitando un vespaio di polemiche, in America.

Frontiera Mexico-Usa

Frontiera Mexico-Usa

Il gruppo di ricercatori e una folta schiera di collaboratori, infatti, disseminano i punti caldi (in tutti i sensi) della frontiera di bidoni di acqua potabile e cibo in scatola. I punti di ristoro vengono geolocalizzati con il GPS e inseriti in una mappa digitale. Il software viene caricato su cellulari a poco prezzo che altri volontari provvedono a distribuire in Messico. Il team guidato da Dominiguez e Cárdenas ha raccolto quindicimila dollari, in parte grazie a sovvenzioni universitarie, in parte con un premio per un festival artistico.

Gli oltranzisti anti-immigrazione gridano allo scandalo, e sostengono che si tratta di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Un reato commesso, per di più, anche con denaro pubblico. “Si tratta soltanto di dare acqua a chi sta morendo di disidratazione nel deserto”, commenta seccamente il prof. Cárdenas.

Il  Transborder Immigrant Tool è un’iniezione di tecnologia su un nervo scoperto. Gli Stati Uniti investono milioni di dollari per tenere chiusa ai clandestini la frontiera con il Messico. Interminabili muri di cemento, sofisticati sensori, telecamere a infrarossi e poi un esercito di agenti del Border Patrol.

US Border Patrol in azione

US Border Patrol in azione

Telefono a basso costo e software GPS saranno pronti entro il solstizio d’estate, assicurano i coraggiosi docenti e artisti californiani. La loro mission?

Eccola: “The Electronic Disturbance Theater (EDT) is a small group of artivists engaged in developing the theory and practice of Electronic Civil Disobedience (ECD)”.

Fonte: Elliot Spagat, The Associated Press

————–


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da RG

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
dicembre: 2009
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031