Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Il governo Zapatero all’attacco del peer-to-peer

Anche la Spagna socialista va all’attacco del download illegale di musica e film, ma – a differenza dell’Hadopi francese – sceglie di colpire i siti e non gli utenti. Soluzione comunque discutibile, perché non sarà un giudice a decidere, bensì la nascitura Comisión de Propiedad Intelectual. Una sorta di polizia culturale di Internet, come titola oggi El Pais.

Network Neutrality

Con questa commissione, dotata di poteri inediti per un organo amministrativo, la Spagna si aggiunge alla lista di paesi che hanno dichiarato guerra alla pirateria. Il ministro  della cultura Angeles Sinde ha specificato che la commissione potrà decidere in prima istanza la chiusura di un sito web, senza ordine giudiziario. 

Sempre più duri i tempi per il peer-to-peer

Sempre più duri i tempi per il peer-to-peer

Le reazioni della rete non si sono fatte attendere. Tra forum, reti sociali e blog è tutto un ribollio di proteste. Quando sono in ballo le libertà della rete c’è sempre da stare attenti. Si comincia con il colpire i download e si può finire chissà dove. Ecco perché sono già così numerose le adesioni al Manifesto in difesa dei diritti fondamentali su Internet proposto dal sito geek Alt1040.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
dicembre: 2009
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031