Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Non sparate sugli scienziati italiani, titola Science

Quale onore! Science – la più prestigiosa rivista scientifica del mondo – si occupa dell’Italia. In prima pagina, poi, sul sito Internet! Si, ma non per parlare di un novello Leonardo o Galileo, bensì per raccontare come nel nostro paese vengono trattati i ricercatori. “Don’t Shoot Research, Italian Environmental Scientists Protest” è il titolo dell’articolo. Si parla della sorte umiliante riservata agli scienziati che si occupano di ambiente, i precari dell’Ispra. Duecento già licenziati e altri 250 in bilico.

Science ospita anche il video della protesta, in cui si vedono alcuni ricercatori mascherati fucilati sul posto. Surreale quanto si vuole, è comunque un pugno nello stomaco. La rivista scientifica parla dei compiti assegnati a licenziati e licenziandi. Gestione dei rifiuti anche nucleari, inquinamento dell’aria, ecosistemi marini. Tutto questo mentre a Copenhagen si è appena concluso il vertice sul clima e i capodogli vanno a morire sulle spiagge italiane.

 

Capodogli spiaggiati in Puglia a dicembre 2009

Capodogli spiaggiati in Puglia a dicembre 2009

L’articolo sarà pubblicato anche sul prossimo numero dell’edizione cartacea di Science, che arriva sulle scrivanie di un milione di scienziati e ricercatori di tutto il mondo.

Continuiamo a farci del male.

—————–


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da RG

  • RICERCA: ISPRA, DOPO DUE MESI PRECARI SCENDONO DA TETTO =

    Roma, 21 gen. – (Adnkronos) – Dopo circa due mesi di protesta i lavoratori precari dell'Ispra che erano sul tetto dell'Istituto sono scesi. Al termine dell'Assemblea che si e' svolta questa mattina i lavoratori "hanno giudicato che l'accordo" raggiunto nella notte "rappresenta un buon punto di partenza e quindi hanno deciso di scendere dal tetto" sottolinea Cristiano Fiorentini della direzione

    nazionale di Usi-RdB.

    Ora, sottolinea Fiorentini, "bisognera' vedere l'applicazione dell'accordo. Tutti i punti importanti per noi sono stati toccati: alcuni di meno, altri di piu'. C'e' ancora lavoro da fare". Sono previsti incontri periodici per vedere le modalita' di applicazione dell'accordo.

    (Eca/Gs/Adnkronos)

    21-GEN-10 13:14

  • Pingback: Non sparate sugli scienziati italiani, titola Science()

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
dicembre: 2009
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031