Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Quando eravamo negri pure noi

Pensando a Rosarno, viene in mente quando i negri eravamo noi. Italian diaspora, è il titolo della pagina di Wikipedia che racconta “the large-scale migration of Italians away from Italy in the period roughly beginning with the unification of Italy in 1861 and ending with the Italian economic miracle in the 1960s.”.

Wikipedia ricorda agli smemorati nostrani che l’emigrazione italiana ha riguardato venticinque milioni di persone, “ and it is considered the biggest mass migration of contemporary times”.  

Ancora Wikipedia propone una pagina sulla xenofobia nei confronti degli emigrati italiani. Anti-Italianism, è il titolo. Di cosa si tratta? “is a hostility toward Italian people and Italian culture. It utilizes stereotypes about Italian people with popular ones being that most Italians are naturally violent, ignorant, uncouth or somehow associated with the Mafia”.

Questo passaggio è particolarmente significativo: “Dopo la Guerra di secessione americana, alcuni poveri immigrati italiani sono stati reclutati per occupare il posto di lavoro lasciato libero degli schiavi neri nelle piantagioni del Sud”. Insomma, servivano altri schiavi. E come tali i nostri connazionali venivano trattati.

E non ricorda Rosarno, questa illustrazione che descrive il linciaggio di undici italiani, tutti siciliani, accusati ingiustamente di aver ucciso il capo della polizia a New Orleans, nel 1891?

1891 New Orleans Italian lynching

1891 New Orleans Italian lynching

Infine, un’altra pagina di Wikipedia, questa volta nell’edizione italiana, dal titolo: Pregiudizio contro gli italiani. Alcuni passaggi:

“Il sentimento antiitaliano in Svizzera si è manifestato cruentemente nel 1971, con l’uccisione dell’immigrato italiano Alfredo Zardini

Il presidente statunitense Richard Nixon, durante la sua visita in Italia all’inizio degli anni settanta, dichiarò che non soltanto gli italiani si comportavano in un modo diverso dagli altri europei, ma avevano anche un “odore” diverso. 

In Australia gli italiani dal 1891 agli anni sessanta del XX secolo venivano schedati al momento dell’immigrazione come Coloured o Semi-White oppure come Olive per via della pelle olivastra”.

Quando eravamo negri pure noi, appunto.

1913 - US Inspectors Examining Eyes Of Italian Immigrants Ellis Island

1913 - US Inspectors Examining Eyes Of Italian Immigrants Ellis Island

—————–

image


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da RG

  • @Tom Smith: is a comment particularly pleasing, because it was written by a prestigious person like you. Thank you!

  • Excellent observation.

  • Tutto giusto, caro Pino.

    Noi italiani abbiamo la memoria corta. E non è necessaria una visita al Museo dell'immigrazione a Ellis Island per vedere come venivano trattati i nostri connazionali. Ora, per fortuna, c'è il web: forse dovremmo dirlo anche ai leghisti; occupati come sono in ridicoli riti celtici, i seguaci di Bossi non se ne sono accorti.

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
gennaio: 2010
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031