Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Living Stories e gli editori adesso possono evolversi

Gli editori di giornali, si sa, fanno la guerra a Google. Dicono che il motore di ricerca – con Google News – si alimenta, come un saprofita, del lavoro altrui. Non è così. Anzi. Google News dirotta traffico imponente di lettori verso i giornali, ma gli editori fanno finta di non sentire da questo orecchio. Adesso Google dà uno schiaffo morale agli editori. Dice: imparate a migliorare i vostri giornali, vi offro un nuovo strumento, gratis. Si chiama Living Stories.

Living Stories, cioè storie che vivono e non si arenano sulle secche del formato, dell’impaginazione, della collocazione della notizia. Se una storia è destinata ad evolversi, ecco Living Stories proporre gli accadimenti successivi, con la datazione, l’orario, il riepilogo delle puntate precedenti. Una timeline – linea del tempo interattiva – offre un colpo d’occhio complessivo di ciò che è stato e di ciò che è, senza costringere il lettore a cambiare pagina e indirizzo.

Con Living Stories i giornali possono finalmente tornare in posizione eretta

Con Living Stories i giornali possono finalmente tornare in posizione eretta

E’ un’arma potente, nelle mani degli editori che, in cambio, dovrebbero sedersi con Google e fumare insieme il calumet della pace. Così come hanno fatto i padroni del New York Times e del Washington Post, i due quotidiani che hanno condotto la sperimentazione dello strumento open source messo a disposizione.

I risultati dell’esperimento con le due testate, dice Google, sono stati molto positivi: il 75 per cento delle persone che hanno fornito un riscontro sulla loro esperienza d’uso ha detto di preferire il formato Living Stories a quello degli articoli online tradizionali.

“L’esperimento delle Living Stories con il New York Times e il Washington Post ha portato a buoni risultati, quindi siamo molto contenti di essere in grado oggi di rendere questa tecnologia disponibile in modo ampio”, ha commentato Santiago de la Mora, Print Content Partnerships Director di Google per l’Europa, il Medio Oriente e l’Africa.

“E’ nostro desiderio trovare strumenti innovativi per permettere agli editori di giornali di offrire contenuti e trovare lettori online, e quello che annunciamo oggi è uno dei tanti sforzi che stiamo facendo in questa direzione”.  

Come la prenderanno gli editori, sempre a caccia di alibi per giustificare la pessima qualità dei giornali (con le redazioni che si svuotano dei giornalisti maturi e di esperienza e si riempiono di precari pagati quattro soldi e dunque ricattabili da capi e capetti?)? E i giornalisti, come la prenderanno?

Scoppierà la pace tra Google e gli editori?

Scoppierà la pace tra Google e gli editori?

Scrive oggi Roberto Cotroneo sull’Unità: “Il modo verticale di gestire la notizia, non può che portare a un ripensamento completo del modo di fare giornalismo, e il più rapido possibile, per non farsi deridere e abbandonare dai lettori. E per non diventare di una inattendibilità imbarazzante. Questa è la scommessa”.

Già, è proprio questa. Quali e quanti giornali italiani l’accetteranno?


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
febbraio: 2010
L M M G V S D
« Gen   Mar »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728