Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Caccia ai pedofili: macchine fotografiche e videocamere lasciano un’impronta digitale

Ogni videocamera o macchina fotografica lascia la sua impronta digitale su filmati e foto realizzati, così come avviene per i proiettili sparati dalla stessa arma. La tracciabilità delle immagini può aiutare le polizie di tutto il mondo a scovare i pedofili. In Italia, a quanto pare, si è a buon punto.

Oggi il capo della Polizia di Stato per le comunicazioni, Antonio Apruzzese, ha rivelato che sono al lavoro gruppi di studio creati in collaborazione con le università, per arrivare all’individuazione delle macchine con cui sono stati girati video e scattate foto che vedono vittime i minorenni.

Il capo dei detective tecnologici della Polizia ha fatto sapere che  – su cinquemila scatti pedopornografici  esaminati – circa il novanta per cento era stato realizzato con la stessa macchina fotografica.


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da RG

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
maggio: 2010
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31