Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Pandora: quando la radio su internet diventa business

Sessanta milioni di ascoltatori. Non è male, per una radio che si può ascoltare soltanto su internet e, da qualche tempo, su alcuni modelli di auto prodotte dalla Ford. Si chiama Pandora, è nata dieci anni fa, e gode di ottima salute. L’ascolto è limitato agli Stati Uniti, e – se si prova a cliccare sul sito da altri paesi – appare un messaggio di scuse. E’ un problema di diritti d’autore, perché Pandora è in regola con le leggi americane sui diritti d’autore, grazie agli accordi sottoscritti.

 

Il suo fondatore, Tim Westergren, sottolinea il successo crescente, dovuto soprattutto alla diffusione di internet mobile. La radio è infatti disponibile su iPhone, Blackberry, Palm e sugli smartphone equipaggiati con Windows Mobile e Android.

 

Pandora si finanzia con la pubblicità e permette agli ascoltatori di costruire palinsesti personalizzati. Ognuno può ascoltare la musica che preferisce. Ogni giorno ci sono novantamila nuovi utenti. Il prossimo obiettivo? Entrare nelle case e nelle automobili, con apparecchi radio collegati a reti wireless. Quanto alle auto, con Ford c’è già una collaborazione e sono in corso trattative con l’indiana Tata.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
luglio: 2010
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031