Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Sicurezza: da Echelon a Perfect Citizen

C’era una volta Echelon, il grande orecchio spia con il quale Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Australia, e Nuova Zelanda intercettavano le comunicazioni private e pubbliche. Erano tempi di Guerra Fredda. I “cattivi” erano l’Unione Sovietica e il Patto di Varsavia. Dalla base pugliese di San Vito dei Normanni, ad esempio, Echelon ascoltava tutte le telefonate al di là dell’Adriatico e fino agli Urali. Oggi di quelle storie, di quelle guerre, restano rimasugli. Il nemico è il cyber terrorismo. Servono altri strumenti. Come il Perfect Citizen. Arma digitale contro nemici informatici.

Qualche giorno fa, il capo della CIA, Leon Panetta, ha detto che ormai  “Viviamo in un mondo in cui la cyber guerra è una minaccia molto reale –  ha detto Panetta – potrebbe mettere in ginocchio la nostra rete energetica e minacciare il sistema finanziario, potrebbe paralizzare il paese”. La CIA dice e la NSA fa.

vecchia base Echelon in Gran Bretagna

Secondo il Wall Street Journal, il governo federale sta lanciando un programma chiamato Perfect Citizen per rilevare cyber attacchi alle aziende private, enti pubblici e infrastrutture critiche come la rete elettrica e gli impianti nucleari.

La sorveglianza da parte della National Security Agency si basa su un insieme di sensori distribuiti nelle reti di computer delle infrastrutture critiche. I sensori sarebbero in grado di dare l’allarme in caso di attività insolite. Cioè se è in atto un attacco informatico in grado di paralizzare le reti.

Una sala operativa della NSA

L’obiettivo del programma è garantire l’inviolabilità delle reti e dunque la sicurezza nazionale. Strutture sensibili come le reti dei trasporti (aerei, metropolitane, treni, eccetera) o energetiche (centrali elettriche, gasdotti, acquedotti, eccetera) non devono avere varchi tali da permettere ai cyber terroristi di violarle.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
luglio: 2010
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031