Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

iOS 4.1: crack senza jailbreak? Eticamente scorretto ma…

Molte applicazioni di Apple Store non mantengono ciò che promettono. La verifica preventiva è possibile solo di rado, con le versioni gratuite (LITE, FREE) dei programmi. Se il software risponde alle aspettative, l’utente acquista la versione PRO. Negli altri casi, c’è la roulette russa. Finché si tratta di applicazioni che costano 0,79 centesimi, spostarle nel cestino è un dolore sopportabile. Quando si spendono dieci o sessanta euro (tanto costano, ad esempio, i navigatori satellitari), il discorso cambia.

Apple dovrebbe adottare una policy più rispettosa delle prerogative dei consumatori. Ogni applicazione dovrebbe essere testabile per 24 ore e poi bloccata. Lo sblocco definitivo dovrebbe essere contestuale all’acquisto. Insomma, si tratterebbe di applicare la politica, ampiamente sperimentata e apprezzata, dello shareware, con licenza d’uso gratuito più breve.

Il jailbreak, in fondo, serve anche a questo, oltre che a rendere accessibili numerose applicazioni bandite o snobbate dal negozio ufficiale di Apple.

Le restrizioni, si sa, alimentano il mercato dello sblocco illegale. E’ ciò che succede, ad esempio, con l’ultima versione del sistema operativo dei prodotti a mela. Per  iOS 4.1 non c’è ancora il jailbreak? Ecco allora la discutibilissima proposta di cracking (a pagamento, costa venti dollari) di iOS 4.1 che permetterebbe di installare applicazioni piratate senza che ci sia bisogno del jailbreak.

IPA God

Questo sistema si chiama IPA God, e sta facendo molto discutere, negli Stati Uniti. Un dibattito sull’etica informatica. Se l’applicazione pirata funzionasse davvero – il condizionale è d’obbligo – sarebbe una prova ulteriore della vulnerabilità dell’ultimo sistema operativo Apple.

Disdicevole, sia l’applicazione che la scarsa attenzione alla sicurezza da parte della mitica Mela.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
settembre: 2010
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930