Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

PEC ovvero Posta Eccentrica e Cabalistica

Qualcuno ricorda il vecchio gioco della Settimana Enigmistica “Aguzza la vista”? Si dovevano trovare le differenze tra due immagini apparentemente uguali. Dettagli infinitesimali, quasi invisibili. Ecco un invito a giocare con due immagini scattate dal sito governativo per richiedere gratuitamente una casella mail di Posta Certificata. Posta Certificata? In realtà non di Posta Elettronica Certificata (PEC) si tratta, bensì di CEC PAC, sigla in burocratese stretto, che significa “Comunicazione Elettronica Certificata tra Pubblica Amministrazione e Cittadino”. Funziona solo per le comunicazioni con gli enti pubblici, 

Cosa si può fare con la PEC e cosa si può fare con la CEC PAC

che dovrebbero tutti dotarsi di casella analoga, da mettere bene in evidenza sulla home page dei siti ufficiali.

L’elenco delle PA che si sono messe in regola è qui.

La CEC PAC non funziona invece per le comunicazioni verso soggetti privati. In sostanza la CEC PAC è come un treno a scartamento ridotto. Per questo è gratuita, anche se al contribuente è costata già 50 milioni di euro.

Che c’entra il gioco “Aguzza la vista”? C’entra.

Ecco il print screen del sito Posta Certificata, il 20 maggio 2010.

E questo invece è il print screen dello stesso sito, il 6 ottobre 2010.

Qual è la differenza? Un aiutino, come usa. Nella prima foto c’erano sia il numero di richieste di attivazione che quello delle caselle attivate. Nella seconda foto l’indicazione delle caselle attivate non c’è più.

C’era fino a qualche giorno fa. Il primo ottobre scorso l’avvocato Andrea Lisi ha pubblicato un post con i numeri delle caselle attivate fino a quel giorno: 174.473, abbinato a un commento poco lusinghiero sulla qualità del servizio. Per pura coincidenza, subito dopo, le informazioni relative al numero di caselle attivate sono  scomparse.

Misteri digitali?


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
ottobre: 2010
L M M G V S D
« Set   Nov »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031