Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Rete sotto assedio: saremo spiati su Internet come in Francia?

Scrive oggi Dario D’Elia su Tom’s Hardware che anche sulla rete italiana potrebbe presto abbattersi la censura, con una versione pecoreccia della Legge Hadopi francese. Si, proprio quella legge liberticida in vigore oltralpe, che di recente ha suscitato la dura protesta della Computer and Communications Industry Association, cioè Microsoft, Google, Yahoo, eBay, Facebook, NVIDIA e AMD.  I service provider italiani a breve inizieranno a spiare le nostre connessioni Internet per stanare chi scarica illegalmente film e musica. D’Elia cita Alessandro Longo della Repubblica: l’Autorità per le garanzie per le comunicazioni si appresterebbe a discutere (probabilmente lunedì) un pacchetto di regole per colpire i cosiddetti “pirati del Web”.

Difensori delle libertà in rete cercansi...in attesa di V

Così, a poche ore dall’accordo sulla fibra morta ecco spuntare una sorta di HADOPI all’italiana – ricordate la dottrina Sarkozy e la legge sui 3 strike?

L’anima nera del decreto Romani sembra di nuovo prendere corpo. In pratica sarà chiesto agli ISP di trasformarsi in zombie assetati di “flussi di traffico rilevanti” per identificare gli utenti che violano le norme sul copyright. Si parla quindi di una caccia al file sharing e allo streaming illegale. Il tutto nel rispetto della privacy, ma semplicemente perché si vogliono aggiungere un paio di righe in piccolo nei contratti di abbonamento.

Nuove garanzie anche per gli editori e detentori dei diritti. “Potrà segnalare il sito fuorilegge l’autore dell’opera trafugata, la società che ne detiene i diritti, la SIAE, infine il Nucleo della Finanza specializzato in questi reati”, scrive Longo su La Repubblica di ieri.

“Una volta ricevuta la denuncia, il Garante individuerà il titolare del sito e gli spedirà la contestazione. Il sito sotto accusa avrà appena cinque giorni per spedire una memoria difensiva a un indirizzo e-mail del Garante, che poi emetterà il verdetto. Nel caso sia impossibile individuare il titolare, il Garante potrà oscurarne il sito“.

Il potere di AGCOM sembra spingersi oltre, poiché potrà decidere la “rimozione selettiva dei contenuti protetti, il blocco della diretta in live-streaming, il congelamento delle porte IP che permettono lo scambio di file tra privati”.

Esclusi in ogni caso dalla partita i siti di approccio social, come Youtube, ma probabilmente solo se la condivisione di filmati riguarda materiale amatoriale.

Lunedì dovrebbe avere inizio la consultazione pubblica con tutti gli operatori del settore.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
novembre: 2010
L M M G V S D
« Ott   Dic »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930