Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Egitto: la chiameremo Facebook

Facebook ha dato un contributo molto importante alla rivoluzione egiziana. Per questo il ventenne Jamal Ibrahim  ha chiamato proprio così la figlia appena nata: Facebook. La notizia è stata pubblicata sul quotidiano del Cairo Al-Ahram.

Facebook ha giocato un grande ruolo nella rivoluzione egiziana

Jamal – c’è scritto – ha deciso di esprimere la sua gratitudine al sito di Mark Zuckerberg, per il ruolo fondamentale del social network durante la rivolta popolare che ha portato alla destituzione di Mubarak. Una decisione presa in comune con la famiglia, gli amici e i vicini.

Nei giorni caldi di piazza Tahrir, sul social network sono stati creati trentaduemila gruppi di oppositori al regime. D’altronde per le strade del Cairo sono numerosi i cartelli con la scritta “Grazie Facebook”!

Il giornale egiziano invita Mark Zuckerberg ha spedire subito un piccolo regalo alla piccola Facebook.


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da RG

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
febbraio: 2011
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28