Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Geopolitica satellitare: Nicaragua Costa Rica Bahrein e Palestina

Il mondo è nudo, agli occhi del satellite. Dall’America centrale al Golfo Persico, Google diventa sempre più protagonista – sia pur involontario – di eventi geopolitici. A novembre scorso le mappe digitalizzate del colosso digitale hanno provocato un incidente di frontiera tra Nicaragua e Costa Rica. Addirittura cinque anni fa, come racconta l’editorialista del New York Times, Thomas L. Friedman, Google Earth ha acceso la scintilla della rivolta nel Bahrein.

Il Bahrein su Google Earth

Scrive Friedman (oggi il suo articolo è stato pubblicato da Repubblica, tradotto da Fabio Galimberti), che “in Egitto, in Tunisia e in Bahrein non si è fatto altro che parlare del ruolo svolto da Facebook, ma non dimentichiamoci di Google Earth, che in Bahrein ha cominciato a smuovere le acque della politica nel 2006.

Uno dei problemi più sentiti in Bahrein, specialmente tra gli uomini sciiti che vogliono sposarsi e costruirsi una casa, è la distribuzione iniqua delle terre.

Il 27 novembre 2006, alla vigilia delle elezioni parlamentari nel minuscolo Stato del Golfo, l´inviato del Washington Post aveva scritto: «Mahmood, che vive in una casa con i genitori, i quattro fratelli e i rispettivi figli, dice che la sua frustrazione è cresciuta ancora di più quando ha guardato il Bahrein con Google Earth e ha visto enormi appezzamenti di terreno vuoti, mentre decine di migliaia di sciiti, in maggioranza poveri, vivono strizzati insieme in aree ristrette e densamente popolate.

‘Noi siamo diciassette persone ammassate in una casa piccola, come tanti che vivono nel distretto sud. E su Google vedi che ci sono un mucchio di regge, e ti accorgi che gli al-Khalifa (la famiglia regnante, sunnita) hanno il resto del Paese tutto per loro’. Gli attivisti politici del Bahrein incoraggiano la gente a guardare il Paese con Google Earth, e hanno creato un gruppo speciale di utenti i cui membri hanno accesso a oltre 40 immagini dei palazzi della famiglia reale”.

Colonia israeliana di Har Homa su Facts on the Ground

Nicaragua, Costa Rica, Bahrein, non sono casi isolati. Google Earth e Google Maps permettono ad esempio agli attivisti di American for Peace Now di monitorare l’andamento degli insediamenti israeliani in Palestina, con un’applicazione dinamica per iPhone (Facts on The Ground).

Mappa dinamica villaggio palestinese di Al-Tuwani

Oppure aiutano i pacifisti di Al- Haq a documentare, miscelando  le immagini satellitari, le violazioni dei diritti umani commesse nei territori palestinesi occupati. I quattro tour virtuali nel dolore reale  – c’è anche il villaggio di Al-Tuwani in cui operano i volontari italiani di Operazione Colomba – sono disponibili a questo link.

Il dimissionamento “digitale” del premier egiziano Ahmed Shafiq

Potenza della rete. Paola Caridi racconta un altro episodio. Il dimissionamento “digitale” del premier egiziano Ahmed Shafiq: “…la politica egiziana, dunque, usa internet. Non solo i ragazzi, ma anche i generali di una certa età”.

+

+

+


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
marzo: 2011
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031