Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Libia: prosegue il blackout di Internet

Da venerdì scorso internet tace o quasi in tutta la Libia, come evidenzia il report di Google. E’ cambiata la tattica del regime di Gheddafi, che nei primi giorni della rivolta popolare aveva aperto e chiuso la rete a intermittenza. Adesso il blocco è selettivo, fa notare la società specializzata Renesys, perché una manciata di indirizzi IP risulta attiva, così come alcuni accessi a YouTube. Internet, insomma, viene usata dalla macchina della propaganda.

Il report di Google sul blackout della rete in Libia

Gli uomini del dittatore libico hanno fatto tesoro della lezione egiziana. Mubarak aveva chiuso del tutto internet, danneggiando così anche i siti governativi. A Tripoli l’approccio è più subdolo e intelligente. Si apre la rete quando fa comodo al regime e poi la si richiude. Un intervento ad hoc su BGP (Border Gateway Protocol) e DNS (Domain Name Server). 

Certo, in Libia è tutto più facile, perché  – a differenza dell’Egitto – solo una piccola parte della popolazione ha accesso a internet. 

I dittatori, che hanno molta paura della rete, continuano a fare prove generali di blackout.  

Fonti: Google, Renesys, Le Monde

+

+

+


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da RG

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
marzo: 2011
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031