Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

A scuola Wikipedia va usata all’incontrario

Il fantasma del copia&incolla si aggira tra le aule scolastiche di tutto il mondo e turba i sogni dei docenti di ogni ordine e grado. Sul banco degli imputati c’è soprattutto Wikipedia, l’enciclopedia partecipativa, accusata di essere la fonte (spesso imprecisa) di tutti i mali. Succede che i ragazzi incaricati di svolgere un lavoro o scrivere un saggio, usino Wikipedia non come spunto per la ricerca, bensì come serbatoio da cui copiare e incollare. Talvolta senza leggere, assimilare, confrontare. E se l’approccio fosse ribaltato? Lo suggerisce la professoressa Brenna Gray, che insegna lingua e letteratura inglese al Douglas College di New Westminster, in Canada.

La docente canadese ha studiato a lungo il comportamento dei suoi studenti, che copiavano a man bassa da Wikipedia. Così ha deciso di ribaltare la situazione. Hai chiesto ai ragazzi del primo anno di scrivere brevi biografie di scrittori canadesi, da postare su Wikipedia, a loro nome, previo controllo della prof. All’inizio gli studenti hanno tentato di opporre resistenza ma poi si sono convinti e hanno cominciato a lavorare al progetto, sempre più coinvolti ed entusiasti. Benna Grey ha puntato sulla responsabilizzazione. I ragazzi si sono sentiti stimolati dall’obiettivo della pubblicazione e si sono resi conto che,  nel produrre voci di Wikipedia, hanno acquisito nuove competenze.

“Gli studenti – dice la prof – hanno il senso del tempo e delle priorità. Sono riluttanti a imparare cose che poi non sono (non sembrano) utili al di fuori della scuola”.

Lo studio di Brenna Grey è stato presentato al Congresso 2011 della Federazione canadese per le discipline umanistiche e scienze sociali ed è stato apprezzato dai colleghi. Non ha senso esorcizzare gli strumenti messi a disposizione dall’innovazione tecnologica – ha aggiunto la docente – piuttosto si deve lavorare per farne un uso corretto, adattarli al contesto. Lo scopo del mio lavoro è avviare una discussione su questi temi.

Fonte: Science Daily (Canadian Federation for the Humanities and Social Sciences (2011, May 30). Wikipedia improves students’ work: Students become much more concerned with accuracy when their research is posted online, study finds)


Twitter: @pinobruno

  • Pingback: Google dà soldi per portare l’informatica a scuola -()

  • Ogni intervento su una voce di Wikipedia rimane nella cronologia della voce con data, ora e firma del suo autore. Se si tratta di un utente non registrato resta agli atti il suo ip address, altrimenti il suo nome utente. Qui, ad esempio, trovate la traccia di tutte le voci da me create o modificate. Sentirsi autori aumenta l’autorevolezza e la reputazione in rete, anche per i ragazzi.

    • Grazie Pierangelo, preziosa precisazione.

  • Mattia

    Eccellente e intelligente esperimento psicologico ed educativo, che vale di più di mille battaglie “contro” una cosa. 🙂

    Piccolo dettaglio da segnalare: su Wikipedia non si possono accreditare autori ma eventualmente fonti, quindi “da postare su Wikipedia, a loro nome” è una piccola bugia forse detta dall’insegnante per la buona riuscita dell’esperimento, altrimenti è un’inesattezza 🙂

    • Probabilmente l’inesattezza è mia. “A loro nome” va inteso in senso ampio….

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
giugno: 2011
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930