Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Alitalia Trenitalia: dematerializzazione imperfetta

Dopo aver dematerializzato i biglietti, da qualche tempo Alitalia punta a sostituire la carta con i bit anche per le operazioni di imbarco. Se con il web check-in tradizionale si deve comunque stampare la carta d’imbarco, il Mobile check-in annulla la fastidiosa ricerca di una stampante. Si fa tutta l’operazione con lo smartphone (applicazione dedicata per iPhone; accesso a indirizzo dedicato con BlackBerry, palmari e telefoni cellulari). Al varco (e, prima, ai controlli di sicurezza) si mostra il codice a barre 2D ricevuto via sms e si sale in aereo. E’ possibile anche cambiare il posto assegnato. Tutto bene? No.

Mobile check-in

Il sistema funziona a singhiozzo, di pari passo con la puntualità dei voli. Per una scelta – incomprensibile ai più – il Mobile check-in è possibile solo se si parte da alcuni scali.

Va bene a Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Londra Heathrow, Milano (Linate, Malpensa, Orio al Serio), Palermo, Pisa, Roma, Torino, Venezia, Verona.

Non va bene a Bergamo, Alghero, Ancona, Bari, Brindisi, Crotone, Genova, Lamezia Terme, Napoli, Pescara, Reggio Calabria, Trieste.

Insomma, un caso evidente di dematerializzazione interrupta, insufficiente a convincerci a voltare le spalle ai cari vecchi (o nuovi?) voli low cost.

Almeno Alitalia ci prova, mentre con Trenitalia c’è un risvolto tragicomico. Questo post è stato ispirato dalla lettera del signor Simone Moraldi alla Repubblica, pubblicata dal quotidiano venerdì scorso, 1 luglio.

Lettera a La Repubblica del 1 luglio 2011

Scrive il signor Moraldi: “Sul treno da Ancona a Roma mi è stata accertata la mancanza di biglietto, nonostante avessi esibito, su un pc portatile, la ricevuta in formato pdf del biglietto regolarmente acquistato, che non ho potuto stampare per cause di forza maggiore. Essere multati per non aver stampato il proprio biglietto del treno è usare una norma nell’opposto della sua funzione. Serve a fare cassa alle spalle delle persone oneste”.

Un caso evidente di dematerializzazione rimaterializzata.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
luglio: 2011
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031