Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Giù le mani da Internet dice l’OSCE

Internet deve restare libero e l’accesso alla rete dovrebbe essere considerato un diritto fondamentale, ha detto il Rappresentante OSCE per la libertà dei media, Dunja Mijatovic, durante la presentazione del rapporto Freedom of Expression on the Internet (Studio delle disposizioni giuridiche e pratiche relative alla libertà di espressione, al libero flusso delle informazioni e al pluralismo dei media nei 56 paesi aderenti).

In tutto il mondo c'è una voglia matta di imbavagliare la rete...

 

Lo studio esamina la regolamentazione dei contenuti di Internet nei Paesi dell’OSCE e valuta le leggi nazionali alla luce degli impegni OSCE e delle norme internazionali sulla libertà di espressione e accesso all’informazione.

L’OSCE si affianca così alle Nazioni Unite, che – il mese scorso – avevano dichiarato: ““Le restrizioni all’uso di internet  costituiscono una violazione di diritti umani fondamentali, anche perché internet facilita la piena realizzazione di altri diritti come quello all’educazione, alla partecipazione alla vita culturale e sociale e alla libertà di espressione, oltre a promuovere lo sviluppo della società nel suo insieme”.

...ad esempio in Turchia

 

Quello dell’OSCE è un rapporto più ricco di ombre che di luci. Molti paesi non riconoscono che la libertà di espressione e la libertà dei media deve valere anche per Internet. Lo studio sostiene che le misure di filtraggio e di blocco sono in molti casi incompatibili con la libertà di espressione e la libera circolazione delle informazioni, che sono entrambi impegni fondamentali dell’OSCE.

L’OSCE critica indirettamente la Legge Hadopi in vigore in Francia, che permette alle autorità di disconnettere gli utenti sospettati di download illegale. Il rapporto OSCE è stato redatto prima dell’approvazione dello schema di delibera Agcom per la protezione del copyright in Italia.

Se si leggono attentamente le 233 pagine della relazione, non sembrano esserci dubbi. Il provvedimento italiano non sarebbe piaciuto al Rappresentante OSCE per la libertà dei media.

Appuntamento al prossimo Freedom of Expression on the Internet.

 



Twitter: @pinobruno

Pubblicato da RG

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
luglio: 2011
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031