Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

La Francia orwellizza i cittadini con RFID sulla carta di identità

Ci lamentiamo noi, ma in Francia – a volte – fanno di peggio. Con un blitz parlamentare (c’erano solo undici parlamentari in aula, sette della maggioranza di centro destra e quattro dell’opposizione), l’Assemblée nationale ha orwellizzato i cittadini. E’ passata la legge che istituisce la nuova Carta di Identità Elettronica. Conterrà due microchip. Il primo custodirà le informazioni sull’identità del titolare (stato civile, impronte digitali …) e adotterà la tecnologia a radiofrequenza RFID. Un secondo chip, opzionale, chiamato e-services,  accoglierà la firma digitale per le transazioni commerciali e i rapporti con la Pubblica Amministrazione.

L’introduzione della tecnologia RFID inquieta le associazioni che difendono i diritti civili. Il chip a radiofrequenza dovrebbe avere un raggio d’azione di pochi centimetri, per essere agganciato dal lettore in dotazione alle forze dell’ordine. Di fatto, ogni cittadino avrà in tasca un documento per essere tracciato, individuato.

 

Inoltre tutti i dati sensibili dei titolari delle nuove carte di identità confluiranno in un enorme database centrale definito fichier des gens honnêtes, cioè archivio della gente onesta (!). Vi confluiranno nomi, sesso, data e luogo di nascita, indirizzi, dimensioni e colori degli occhi, impronte digitali e fotografie di 45 milioni di francesi.

 

Tweet dal Parlamento francese

L’opposizione annuncia battaglia e i movimenti libertari stanno dissotterrando le asce di guerra. Dopo l’approvazione della legge Hadopi, che autorizza a disconnettere da internet gli utenti che utilizzano file-sharing e peer-to-peer , la Francia di Sarkozy continua a marciare verso il Grande Fratello.

 


Twitter: @pinobruno

  • Già

  • ed inizia,come dice la profezzia,l’era del satana….del mal,igno…dove TUTTI noi saremmo microchipatti….

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
luglio: 2011
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031