Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Vivere di sola carta di credito

La mia amica Caterina Policaro, insegnante ed esperta di e-learning e tecnologie nella didattica, curatrice di un blog che seguo con curiosità e attenzione, partecipa in questi giorni all’esperimento No Cash Week. I sei blogger prescelti, tra i quali c’è Catepol, cercheranno di vivere/sopravvivere per una settimana senza usare banconote e monete. Ogni acquisto, anche minimo, deve essere pagato con una carta prepagata MasterCard PayPass, caricata con 500 euro. Il perché dell’esperimento è presto detto.

Banconote e monete

… SONO COSTOSE
Sebbene il denaro contante sia percepito come uno strumento di pagamento gratuito, la realtà è assai diversa: la gestione del contante in Europa vale 50miliardi di Euro l’anno, 10 di questi spesi dall’Italia. Questo significa che per pagare il personale, i servizi di contazione, le perdite, i furti, le apparecchiature, il trasporto, la sicurezza, i magazzini, la vigilanza, le assicurazioni… spendiamo circa 200 Euro a testa l’anno!

… FAVORISCONO L’EVASIONE
L’Italia si conferma al primo posto in Europa per reddito imponibile evaso con il 54,6%. Il contante contribuisce a gravi iniquità fiscali e sociali per i cittadini a maggiore tracciabilità e incrementa il fenomeno del sommerso che in Italia incide sul Pil per oltre il 20 per cento sottraendo all’erario ogni anno circa 180 miliardi di euro.

… SONO FALSIFICABILI
Nel primo semestre del 2010 la Banca d’Italia ha riconosciuto false 72.361 banconote ritirate dalla circolazione nel nostro paese. Il più contraffatto è il taglio da 20 euro con il 53,3 per cento del totale dei falsi individuati in circolazione. In Europa, complessivamente, nell’ultimo anno sono stati ritirati dalla circolazione 387mila biglietti in euro falsi.

… INQUINANO
Gli ultimi dati disponibili presso la Banca d’Italia c’informano che, solo per quanto riguarda l’Euro, sono in circolazione oltre 13miliardi e 600 milioni di banconote per un valore di 815 miliardi di euro. Sul fronte delle monete, ne circolano 91 miliardi e oltre 800 milioni di esemplari (22,5 miliardi dell solo taglio da 1 cent) che valgono, in totale, quasi 22 miliardi di euro e che formerebbero, messe una sopra l’altra, una pila lunga come 4 volte la circonferenza della terra. Difficile ma immaginabile quantificare il peso, il valore e l’impiego di risorse finalizzate all’estrazione e alla lavorazione dei metalli utilizzati per il conio delle monete. Senza dimenticare che ogni anno, nell’area Euro, vengono rimpiazzate tra 6 e 10 milioni di banconote.

… SONO SPORCHE
Uno studio dell’University of California di San Francisco spiega come il 18 per cento delle monete e il 7 per cento delle banconote in circolazione siano veicoli di batteri anche potenzialmente pericolosi come l’Escherichia Coli e lo Stafilococco Aureo. Una recentissima ricerca coordinata dal microbiologo Frank Vriesekoop ha esaminato oltre duecento banconote di dieci paesi alla ricerca dei batteri più comuni sulla loro superficie. Risultato: dove le infrastrutture igienico sanitarie sono peggiori è anche più basso il livello di prosperità nel paese e sono presenti più batteri sulle sue banconote. Secondo un articolo del National Geographic, 9 banconote su dieci negli Usa registrano la presenza di cocaina sulla propria superficie.

… PUOI PERDERLE O DISTRUGGERLE
Il contante s’infila ovunque senza possibilità di ritorno: finisce nel taglio del sedile dell’auto, dimenticato dentro un libro, in più non esiste nessuna assicurazione che ti copre se ti rubano il portafogli con dentro i contanti. E quante volte capita di dimenticarlo dentro i jeans messi in lavatrice e doverlo asciugare col phon in bagno quando non c’è più niente da fare? Per questi motivi e per la quotidiana usura, ogni anno, solo nell’area euro, vengono rimpiazzate tra 6 e 10 milioni di banconote.

Caterina Policaro vive a Potenza. È l’unica tester a sud di Roma e dunque il suo compito è particolarmente arduo. Se la sta comunque cavando egregiamente, come racconta sul blog.

Certo, dematerializzazione è un termine quasi sconosciuto in Italia. Tutto è carta, timbri, bolli, e i soldi non fanno eccezione. Non è soltanto un limite culturale e i cittadini non hanno tutte le colpe. Molto dipende dal sistema bancario, dalle commissioni esose sulle carte di credito, dai tassi usurai su alcuni tipi di carte. Insomma, la mancanza di trasparenza alimenta la diffidenza e fornisce alibi ai furbi e agli evasori fiscali.

Dice bene l’Adoc. Dematerializzare il denaro è giusto, “E’ necessario, però, che il Governo e il sistema bancario intervengano in modo deciso sulle forme di pagamento sostitutive del contante, che dovranno avere costi zero o ad ogni modo più contenuti di quelli attuali. Vi deve essere la garanzia di poter effettuare ogni tipologia di pagamento, anche di importo inferiore a 20 euro, come avviene in altri Paesi europei. Un limite che oggi è possibile incontrare, ad esempio, alle stazioni di rifornimento benzina, che non accettando pagamenti con carta se minori di 20 euro o al momento del pagamento di taxi o parcheggi. Le commissioni delle carte di credito devono essere meno esose di quelle attuali, che dissuadono gli esercenti dal loro utilizzo. In merito alle carte revolving, vorremmo che fossero applicati i limiti del tasso d’usura. E’ inaccettabile che gli interessi arrivino al 22%, per di più con l’impossibilità da parte del cliente di poter aumentare l’importo della rata mensile”.

Proprio ieri leggevo sul Venerdì di Repubblica un reportage da Atene di Matteo Nucci sul ruolo sporco giocato dalle banche con le carte di credito. L’intervistato – Giorgios – racconta di quando, ai tempi del presunto boom greco, “le banche cominciarono a telefonare in casa per regalarti carte di credito vantaggiosissime…ci voleva uno Stato capace di proteggere il suo cittadino. Ma come poteva farlo se stava cascando nello stesso gioco?”


Twitter: @pinobruno

  • io sono uno di quelli che gira senza contanti e paga sempre con la carta di credito… quindi BYE BYE CASH !

  • giada

    anch’io non son d’accordo.
    innanzitutto per la tracciabilità di come io spendo il mio denaro, poi perchè oggi il potere è in mano alle industrie, alle multinazionali e soprattutto alla banche.
    il denaro contante è l’unico modo per avere la privacy di come spendere i miei soldi, senzache mi arrivino email di spam che mi incitino all’acquisto di qualsiasi cosa abbia precedentemente acquistato 🙁

  • Gent. Pino Bruno,
    con mia grande sorpresa mi trovo a esprimere un giudizio soggettivamente negativo su un articolo di questo blog, sempre ricco di ottimi contenuti.
    Cercherò di essere chiaro e conciso per non abusare di questo spazio, pertanto non confuterò uno per uno i punti chiave dell’allarmante campagna “N0 cash day” pedestremente qua sopra riportati, ma mi limiterò a poche considerazioni che, spero possano far riflettere.
    Pur essendo un grande estimatore della tecnologia, posso affermare che il contante sia l’ultimo barlume di libertà che ci rimane, nonostante abbia, come tutte le cose di questo mondo, degli aspetti negativi (cioè lo utilizzano anche i “cattivi”).
    I fantomatici 200 euro a testa risparmiati (dalle banche) non saranno 200 euro da noi guadagnati e non si tradurranno nemmeno in equivalenti benefici nella gestione del nostro contante. Aggiungo che la carta di credito ha dei costi e questi possono essere modificati unilateralmente a piacimento dagli istituti di credito.
    In conclusione, ci ritroveremo in una situazione analoga a quella che stiamo vivendo per il consumo dei carburanti derivati dal petrolio: senza alternative, non potremo fare altro che rassegnarci nel vedere i nostri soldi sparire, a seguito di aumenti incontrollati stabiliti con la consolidata prassi del cartello.

    Cordialmente, U.

  • grazie per il supporto 🙂

  • molto interessante…

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
luglio: 2011
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031