Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

arXiv alla ricerca di un nuovo modello

Succede ad arXiv come è successo a Wikipedia[1]. Emorragia di volontari che da vent’anni alimentano il server creato da Paul Ginsparg[2] per ospitare i preprint delle pubblicazioni scientifiche di tutto il mondo. Approdo indispensabile e quotidiano per ricercatori e scienziati, arXiv si è basato finora su un modello di collaborazione virtuosa che adesso sta dando i tratti. Lo ammette lo stesso Ginsparg in un articolo su Nature[3] in cui lancia un appello per mantenere arXiv “…in sintonia con le esigenze delle future generazioni di ricercatori”.

E’ in crisi il fenomeno di crowdsourcing volontario che ha caratterizzato un bel pezzo del successo della rete? E’ scemato l’entusiasmo? C’è meno tempo da dedicare al lavoro senza compenso o con compenso simbolico? I casi Wikipedia e arXiv potrebbero rivelarsi la punta dell’iceberg.

arXiv offre un ingresso libero e gratuito alla fisica, all’astrofisica, alla matematica, alla biologia, all’informatica, alla statistica. Per molti ricercatori controllare i nuovi articoli caricati su arXiv, spiega l’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) in una nota, è un appuntamento quotidiano immancabile che condividono con centinaia di migliaia di ricercatrici e ricercatori di tutto il mondo.

Sono gli stessi autori a caricare gli articoli su server, prima che vengano pubblicati sulle riviste scientifiche.  ”Li può caricare chiunque – spiega Paola Grandi, ricercatrice all’Inaf- Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica (Iasf) di Bologna – anche se, generalmente, quando lo carichi dici già da quale rivista è stato accettato, e questa è un’indicazione di serietà del lavoro, perché’ significa che prima di essere messo in rete è stato vagliato”.

Nel suo articolo/appello su Nature, Paul Ginsparg ricorda che tra qualche giorno tutte le istituzioni internazionali che stanno sponsorizzando il progetto si incontreranno alla Cornell University. Lì si deciderà il destino di uno dei progetti scientifici più brillanti degli ultimi due decenni.



[1] Da Tom’s Hardware del 6 agosto 2011: Wikipedia continua a perdere redattori: la conferma è giunta dallo stesso fondatore Jimmy Wales. “Non stiamo rimpiazzando i nostri ranghi”, ha ammesso Wales ieri durante la Wikimania conference di Haifa. “Non è crisi, ma lo considero un problema importante”.

[2] Da Wikipedia: arXiv (pronunciato come la parola inglese archive, come se la “X” fosse la lettera greca χ) è un archivio per pubblicazioni scientifiche in fisica, matematica, informatica e biologia accessibile via Internet. In molti campi della matematica e della fisica, la maggior parte delle pubblicazioni scientifiche sono messe nell’archivio arXiv. Nel giugno 2010, arXiv.org conteneva più di 610000 articoli, con circa cinquemila nuovi aggiunti ogni mese.

[3] Da Nature n° 476 dell’11 agosto 2011: “…a causa di spese generali e costi del lavoro, arXiv non è in grado di stare al passo con la selezione e revisione dei testi come ha fatto fino ad oggi. Anche il filtraggio minimo di preprint in arrivo per mantenere il controllo di qualità comporta una significativa attività amministrativa quotidiana…”.

 


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da RG

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
settembre: 2011
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930