Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Megaupload SOPA e gli Anni Venti dell’era digitale

Mettiamo il caso che la repressione del fenomeno del download illegale di contenuti multimediali non basti. Mettiamo il caso che il proibizionismo contribuisca invece ad alimentare l’illegalità e ingrassare i portafogli dei vari Kim Schmitz. Non ci siamo forse già passati negli Anni Venti, quando l’America puritana mise al bando il whisky e fece così la fortuna della criminalità organizzata? In fondo il boss di Megauplod arrestato dall’Fbi, “operava nel business della soddisfazione dei bisogni degli utenti in maniera non diversa da come  Al Capone faceva quando contrabbandava alcol”, scrive Gabriele Niola su Wired Italia. “Se così fosse, non dovremmo trarre una buona volta insegnamento dal passato?”, risponde il commissario dell’Agcom, Nicola D’Angelo, sul suo blog personale.

 

Come possiamo dimenticarci – aggiunge D’Angelo – che dopo l’istituzione del proibizionismo, milioni di americani continuarono a bere approvvigionandosi sul mercato nero? Non solo, gli alcolici arrivavano attraverso canali di distribuzione alternativi, venivano prodotti in laboratori clandestini e spacciati in luoghi segreti cui si accedeva tramite parola d’ordine. Al Capone fece la sua fortuna proprio sfruttando il proibizionismo”.

A questo punto Nicola D’Angelo suggerisce di sostituire la parola alcol con contenuti digitali e commenta: “perseverare con un approccio esclusivamente proibizionista, come quello dei progetti di legge SOPA negli USA o delle norme che puntano ad inasprire le pene contro la pirateria online in Europa e in Italia (dalla Hadopi all’emendamento “Fava”), avrà come unico effetto di farci inutilmente piombare negli “Anni Venti” dell’era digitale con un aumento delle attività illecite e un colpevole spreco di tempo e di energie di fronte all’ineluttabile vittoria del mercato e dei bisogni degli utenti”.

 

 

La soluzione, per il commissario dell’Agcom, “sta nel cambiare i modelli di pensiero, prima ancora di intervenire su quelli normativi e di regolazione”.

Nel condividere la tesi di D’Angelo, consiglio – a proposito di proibizionismo e Anni Venti – la serie televisiva Boardwalk Empire, proposta da Sky. D’ora in poi seguirò le puntate cercando di immaginare che le bottiglie di whisky siano contenuti multimediali. Steve Buscemi non assomiglia neanche un po’ a Kim Schmitz, ma lavorerò di fantasia.

 

[subscribe2]

 

 


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
gennaio: 2012
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031