Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Copyright: Confindustria versus Confindustria

Tira una brutta aria per le major della musica e dei film, le cui lobbies promuovono da molti anni una crociata mondiale contro i download illegali. Dopo aver incassato la legge Hadopi in Francia e la legge Sinde in Spagna, grazie alle pressioni sui rispettivi parlamenti, i lobbisti del copyright hanno subito battute di arresto con il SOPA statunitense e con l’ACTA globale. In Italia, poi, la bocciatura dell’emendamento proibizionista del leghista Fava, ha diviso persino la Confindustria, che ha emesso due comunicati stampa diametralmente opposti.

 

L’aperta contraddizione è sfuggita ai commentatori dei giornali, ma la dice lunga sullo stato confusionale del dibattito sulla protezione dei diritti d’autore.

Dunque, all’indomani della bocciatura dell’emendamento Fava, il 2 febbraio, il presidente di Confindustria Cultura, Marco Polillo, ha parlato di “Un’occasione persa per contrastare la pirateria”. Lo stesso giorno il presidente di Confindustria Digitale, Stefano Parisi, ha detto che si trattava di “una decisione giusta”.

 

 

I due comunicati stampa sono ancora lì, sui rispettivi siti:

Confindustria Cultura

Confindustria Digitale

Qual è, allora, la posizione di Confindustria?

Il proibizionismo è come il sonno della ragione. Genera antinomie, se non mostri.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
febbraio: 2012
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829