Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Giornalisti: chi erano quelli veri durante il dibattito tra Hollande e Sarkozy

Millenovecentocinquantuno caratteri, spazi inclusi. L’editoriale del direttore di Internazionale, Giovanni De Mauro, sull’ultimo numero del settimanale, dice più cose su vecchi e nuovi giornalismi di quante ne abbiano dette e scritte in tonnellate di parole, saggi e articoli, fior di sedicenti Maître à penser della professioneMillenovecentocinquantuno caratteri, spazi inclusi, che valgono quanto un intero Festival del giornalismo. Buona lettura.

 

Una vecchia copertina di Internazionale (marzo 2009)

“Lei è un bugiardo, le sue cifre sono false”, “Non è vero, sono corrette”. Mercoledì 2 maggio, tra le 21 e le 23.50, poco più di diciassette milioni di francesi hanno seguito in diretta il dibattito televisivo tra Nicolas Sarkozy e François Hollande. Quasi tre ore in cui i candidati hanno parlato di tutto, dall’immigrazione al fisco, dalla disoccupazione all’energia nucleare. Un dibattito preparato in ogni minimo dettaglio: il tipo di sedie, la distanza tra l’uno e l’altro, la temperatura dello studio.

Al centro c’erano due giornalisti, due volti noti della tv francese, Laurence Ferrari di Tf1 e David Pujadas di France2. Hanno garbatamente rivolto le domande ai due candidati e timidamente cercato di far rispettare i tempi. Intanto, nella redazione di Owni, un sito di informazione francese, c’erano quattro giornalisti tra i 22 e i 29 anni che davano vita al Véritomètre, una sorta di macchina della verità in diretta e su Twitter. Appena uno dei due candidati citava un numero (il debito pubblico francese, le centrali attive in Francia, i soldati presenti in Afghanistan), la redazione del Véritomètre verificava l’informazione, incrociava le fonti, se aveva dei dubbi chiedeva ad altri utenti, e nel giro di pochi minuti twittava il responso: correct, incorrect, imprécis, e quando il dato non era giusto riportava quello esatto, con tanto di link alla fonte. Chi seguiva il dibattito poteva così farsi un’idea in tempo reale dell’attendibilità dei due candidati. Hanno scritto 54 tweet, quasi uno ogni tre minuti.

Per la cronaca, l’indice di credibilità di Hollande è stato del 58 per cento, quello di Sarkozy del 47.

A tutti quelli che si ostinano a ripetere che non è possibile fare del vero giornalismo in soli 140 caratteri, bisognerebbe chiedere chi erano i veri giornalisti durante il dibattito tra Hollande e Sarkozy: se i due mezzibusti televisivi molto sorridenti e quasi muti o i quattro ragazzi del Véritomètre con i loro tweet.

Giovanni De Mauro

 

PS. Grazie da un antico abbonato a Internazionale.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
maggio: 2012
L M M G V S D
« apr   giu »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031