Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Dalla civiltà del palo al palo della civiltà

Dite la verità, lo vorreste anche voi un sindaco come Gregor Robertson, primo cittadino di Vancouver, la città canadese che si è candidata a diventare la città più verde ed ecosostenibile del mondo entro il 2020. Dopo aver lanciato un piano per la diffusione capillare di stazioni di ricarica per auto elettriche, Robertson è diventato testimonial di un altro progetto avveniristico. Combattere con il V-Pole (V sta per Vancouver) il proliferare dei pali inutili, brutti, invasivi, pericolosi. Insomma, dalla civiltà del palo al palo della civiltà.

Il sindaco di Vancouver, Gregor Robertson, testimonial del V-Pole

 

V-Pole è allo stesso tempo una scultura urbana e un sistema integrato di servizi: una sola installazione per l’illuminazione pubblica a led, la ricarica dei veicoli elettrici, i parchimetri, i ripetitori per la telefonia mobile e quelli per la rete wi-fi cittadina, le bacheche elettroniche. Il sindaco Gregor Robertson ha fatto suo il progetto del poliedrico artista canadese Douglas Coupland, autore tra l’altro del romanzo futurista Generazione X , pubblicato in Italia nel 1991 da Mondadori.

I servizi del V-Pole

 

Il cuore tecnologico del V-Pole si chiama LightRadio, un sistema modulare sviluppato da Alcatel-Lucent e Bells Labs per ottimizzare le prestazioni delle reti wireless dal punto di vista energetico e ambientale. Le antenne sono scatolette da impilare, in base alle esigenze e alla richiesta di connettività dell’area da coprire.

 

 

Dice Coupland che gli amministratori pubblici hanno il dovere di intervenire, e pure in fretta: “entro tre anni, il traffico dati su reti wireless triplicherà. O si progetta il futuro oppure le nostre città diventeranno una selva incontrollabile di pali e antenne”.

La civiltà del palo...inutile. Qui siamo sul lungomare di Bari

Da noi, caro Coupland, sta già succedendo. Il primo che arriva pianta il suo palo e anche quelli che non servono più restano lì.

 


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
giugno: 2012
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930