Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Bruce Willis ha ragione da vendere contro Apple

Da oggi di hacktivisti di Terms of Service. Didn’t Read hanno un temibile alleato: Bruce Willis. Il duro dei duri cinematografico ha dichiarato infatti di voler far causa ad Apple perché si è accorto che tutti i brani musicali e gli eBook acquistati su iTunes non sono suoi e non può lasciarli in eredità ai figli. La notizia – diffusa dal Daily Mail – sta rimbalzando su tutti i giornali del mondo. Il protagonista di Die Hard è incappato nelle astrusità delle “condizioni di utilizzo” del mondo digitale denunciate da Hugo Roy, studente dell’Institut d’études politiques (IEP) di Parigi e dai suoi amici. Altro che cazzotti. Questa volta il poliziotto cattivo John McClane deve vedersela con nemici molto più pericolosi. La storia – in sintesi – è questa. Quando si compra un disco o un libro in formato digitale nei negozi online di Apple o Amazon (e molti altri), non se ne diventa proprietari. E’ una sorta di leasing che scade se si chiude l’account o si muore. Non c’è trasmissione ereditaria. Libri e dischi, in teoria, non potrebbero neanche essere dati in prestito.

 

Qualche mese fa Kyle Jarrard, editorialista dell’International Herald Tribune, ha raccontato di aver chiesto ad Amazon “cosa ne sarà dei miei libri quando non ci sarò più”? Ecco la risposta della multinazionale digitale:

“I’m sorry; Kindle content can’t be resold or donated, or transferred between accounts. The purchase and download of digital content from Amazon.com, including content from the Kindle Store, is associated with the Amazon.com account used to make the original purchase. As a result, Kindle content can’t be transferred to another person.”[1]

Sono gli effetti perversi (ma non ineluttabili) della dematerializzazione fatta soltanto tenendo conto degli interessi delle major discografiche, cinematografiche, editoriali. Assurdi, incomprensibili, inaccettabili.

Qualche mese fa ho tentato una riflessione: “Compro un libro di carta e lo leggo. Mi è piaciuto, lo consiglio, lo faccio leggere a moglie e figli (se ce li ho), oppure lo dò in prestito all’amico caro che sicuramente me lo restituirà. All’editore non importa se uso gli occhiali e neanche che tipo di occhiali. A lui importa soltanto che io lo acquisti. Insomma, sul quel libro ho tutti i diritti, escluso quello di fotocopiarlo per trarne profitto. Compro un libro in formato digitale, un eBook, insomma. Ebbene, l’editore (o il distributore) mi impone lo strumento con cui devo leggerlo (il tablet, l’eReader, il desktop, lo smartphone, l’applicazione) e poi ci mette un marchio indelebile (si chiama DRM) che mi impedisce di farlo leggere ad altri o darlo in prestito. Sarà mio per sempre, come accade per i libri di carta? In quale scaffale potrò conservarlo per rileggerlo tra vent’anni? Oppure succederà come i vecchi VHS, la cui morte ci ha costretto a ricomprare i film in DVD e poi in BlueRay e domani chissà”?

Ben venga la promessa iniziativa giudiziaria di Bruce Willis. Intanto proviamo a difenderci facendo copia su un disco fisso di tutti i brani musicali acquistati su iTunes. La procedura è raccontata in questo sito:

 http://conoscoilweb.it/wordpress/da-itunes-a-mp3-esportare-mp3-da-itunes/

Quanto agli eBook, la soluzione è il software Calibre, potente, facile, straordinario.

D’altronde, quando il gioco si fa duro, non solo Die Hard comincia a giocare.

 

PS. Per dovere di cronaca segnalo che la moglie dell’attore, Emma Heming-Willis, ha twittato che la notizia non sarebbe vera. Strategia giudiziaria? Marketing? Prima o poi ne sapremo di più e comunque il dibattito avviato su un tema così delicato è salutare. 

PPS. Chapeau a Dan Gillmor, che sul Guardian ha scritto un articolo migliore del mio (le considerazioni e i suggerimenti sono comunque gli stessi). 


[1]Ho provato a tradurre: “ Ci dispiace, i contenuti del Kindle non possono essere rivenduti, donati o trasferiti ad altro account. L’acquisto e il download di contenuti digitali da Amazon.com, compresi i contenuti del Kindle Store, è associato all’account Amazon.com utilizzato per effettuare l’acquisto originale. Dunque i contenuti del  Kindle non possono essere trasferiti ad un’altra persona”.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
settembre: 2012
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930