Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Vuoi comprare una SIM in Francia? Te la scordi

Que c’est triste, talvolta, l’Europa. Un po’ come la Venezia cantata da Aznavour. T’illude quando varchi le frontiere di Schengen[1] senza mostrare il passaporto, e poi meschinamente t’impedisce di comprare una SIM a Parigi. Già, perché i gestori di telefonia mobile francesi fanno i furbi e non rispettano le norme UE sulla Single Euro Payments Area (SEPA)[2]. In fondo, non è per questo che hanno inventato l’IBAN?[3] Cioè quel codice che dovrebbe permetterti di fare transazioni a Londra come a Roma, a Bucarest come a Madrid? No, in Francia la SIM non te la danno se non hai un IBAN francese o una carta di credito francese. Poco importa che tu debba restare lì  un paio di settimane e ne abbia proprio bisogno per andare in rete con lo smartphone e non dissanguarti con il roaming.  

Non ci credevo, e non ci credeva neppure l’amico e collega Piero Pisarra, che vive da decenni a Parigi. Abbiamo provato insieme, con tutti i gestori telefonici. Abbiamo compilato correttamente i moduli online per acquistare la SIM (passaporto, dati anagrafici, residenza temporanea, eccetera) ma, al momento di inserire le coordinate bancarie e il numero della carta di credito appariva sempre un messaggio di errore. Abbiamo anche chiamato i call center, che hanno prima tergiversato e poi ammesso: no IBAN francese? No carta di credito emessa in Francia? No grazie. Stessa cosa, ovviamente, nei negozi fisici dei gestori.

Eppure, se si va a cercare sui siti ufficiali dell’Unione Europea, non c’è alcuna norma che impedisce a un cittadino europeo di acquistare una SIM in un altro paese dell’Unione. E allora? Mero sciovinismo francese? Disposizioni occulte? Accordi taciti tra le telecom europee per non rompersi le scatole a vicenda?

Ho chiesto lumi all’Autorità francese per le telecomunicazioni (ARCEP) e agli uffici dell’Unione Europea preposti a vigilare sulla corretta applicazione del diritto dei cittadini e dei consumatori in ambito comunitario.

Resto in attesa della risposta e intanto vi chiedo se avete avuto esperienze analoghe.

 

PS. Come temevo, è cominciato il palleggiamento di responsabilità. L’ARCEP mi scrive che il problema non è di sua competenza, e che devo contattare la Direction départementale de la protection des populations (DDPP). Lo farò senz’altro…mica mi arrendo.

 

PPS. Un’altra risposta interlocutoria, ma non demordo.

Direction départementale de la protection des populations

Service Industrie, Commerce et Prestations de Service

37 AVENUE THIERS – BP 1119

06002 NICE  CEDEX 1

N° Départ  : 2012-5521

                                                                              Nice, le  31  octobre 2012

P. J. : Fiche Information DDPP

Monsieur,

Votre courriel en date du 22 octobre 2012 concernant un refus de vente de carte SIM à des ressortissants étrangers par différents opérateurs de téléphonie mobile a retenu toute mon attention.

Je transmets votre demande au Centre de Surveillance du Commerce Electronique, 4, place Edmond Puyo, 29600 ST MARTIN DES CHAMPS [email protected]fr

Celui-ci vous tiendra informé des suites réservées à cette affaire.

Je vous prie d’agréer, Monsieur, l’expression de mes salutations distinguées.

 

Pour la Directrice départementale et par délégation

La Chef du Service

                                                                                                                               Claire DEMARET

[1] http://it.wikipedia.org/wiki/Accordi_di_Schengen

[2] “l’area in cui i cittadini europei, le imprese e le pubbliche amministrazioni sono in grado di fare operazioni di pagamento in euro verso ciascun altro conto, potendo contare su sistemi armonizzati per quanto riguarda le caratteristiche degli strumenti, gli standard, le infrastrutture e i costi” (Da Wikipedia).

[3] A partire dal 1º gennaio 2008, il codice IBAN (International Bank Account Number), ossia la codifica internazionale che identifica ciascun conto bancario utilizzato per i pagamenti transfrontalieri, viene utilizzato anche per i pagamenti eseguiti in Italia, al posto delle tradizionali coordinate bancarie (codici ABI e CAB e numero di conto corrente). Il cambiamento è legato all’istituzione dell’Area unica dei pagamenti in euro (SEPA): un’area geografica che comprende i Paesi della zona euro, più i restanti Paesi dell’Unione europea, più i Paesi dell’EFTA (Associazione europea di libero scambio), più il Principato di Monaco, dove è possibile utilizzare la moneta unica europea per i pagamenti elettronici (da Wikipedia).


Twitter: @pinobruno

  • Gigidale

    ma quindi se io vado a Parigi per 1 mese non posso comprarmi una tessera Orange e attivare un piano che contiene telefonate messaggi e anche internet? Mi sembra strano!

    • provaci anche tu, per me è stato impossibile

  • Che documenti sono necessari per acquistare una sim ricaricabile in francia? Passaporto? O è sufficiente la carta di identitià?

    Grazie mille e ciao.,

    Andrea

  • fabio

    ciao io mi chiamo Fabio e ho comprato una sim Orange ad aprile 2012 direttamente in negozio. Non mi hanno chiesto di più di quello che mi avrebbero chiesto in italia. oggi l’ho anche ricaricata tramite una app orange di android. spero di aver dato il mio contributo. ciao

    • Salve Fabio, grazie. Infatti sulle SIM per telefonare non ci sono problemi…provi a comprare una SIM dati per navigare e poi mi riscriva….

      • fabio

        ok, ad Aprile ci ritorno e amdrò nello stesso negozio non solo per pura curiosità ma perchè avrò bisogno della connessione. grazie delle info,almeno ora so cosa mi aspetta. Tornerò a Luglio e vi farò sapere come è andata. ciao

  • fabio

    io ho comprato una sim a lourdes ad aprile 2012, non mi hanno chiesto nulla di più di quanto mi avrebbero chiesto in italia. la sim è orange e funziona ancora adesso tanto che ho fatto una ricarica tramite una app di android.

  • Pingback: Vuoi comprare una SIM in Francia? Te la scordi | Eurimaco.it()

  • Ho avuto un’altra risposta interlocutoria, ma non demordo.

    direction départementale de la protection des populations
    Service Industrie, Commerce et Prestations de Service
    37 AVENUE THIERS – BP 1119
    06002 NICE CEDEX 1
    N° Départ : 2012-5521

    Nice, le 31 octobre 2012
    P. J. : Fiche Information DDPP

    Monsieur,

    Votre courriel en date du 22 octobre 2012 concernant un refus de vente de carte SIM à des ressortissants étrangers par différents opérateurs de téléphonie mobile a retenu toute mon attention.
    Je transmets votre demande au Centre de Surveillance du Commerce Electronique, 4, place Edmond Puyo, 29600 ST MARTIN DES CHAMPS [email protected]
    Celui-ci vous tiendra informé des suites réservées à cette affaire.
    Je vous prie d’agréer, Monsieur, l’expression de mes salutations distinguées.

    Pour la Directrice départementale et par délégation
    La Chef du Service

    Claire DEMARET

    • Stepan66

      Provare a chiedere delucidazioni alla commissione europea per le telecomunicazioni ?

  • Mi associo a Vittoria, ho ancora una sim SFR acquistata, attivata e utilizzata perfettamente per 10 giorni a Parigi nel lontano ottobre 2006.

    • ecco, 2006, avranno cambiato la policy….

      • Avranno o hanno?

        • Marco, in questi giorni a Nizza sono andato da tutti, SFR, Orange, etc. e al massimo ti danno una SIM senza internet. Se vuoi banda c’è solo la procedura online, inaccessibile se hai IBAN italiano e VISA emessa in Italia. Prova tu e vedi…

          • Se è così andrebbe perlomeno cambiato il titolo di questo post… 😉

          • Marco, i titoli devono sintetizzare, e poi il senso della notizia è che se non sei francese non puoi acquistare online una SIM per navigare

          • Marco, i titoli devono sintetizzare, e poi il senso della notizia è che se non sei francese non puoi acquistare online una SIM per navigare

          • Marco, i titoli devono sintetizzare, e poi il senso della notizia è che se non sei francese non puoi acquistare online una SIM per navigare

  • Vittoria

    Vivo a Parigi da quasi 2 anni e posso assicurarti che non è così!
    Ammiro molto il tuo blog ma trattasi di informazione errata !!
    Se ti rechi in qualunque punto vendita Orange, Bouygues o Sfr puoi ottenerla senza alcuna richiesta di IBAN.
    Forse nel tuo caso ne avevi fatto richiesta on-line e non saprei dirti nulla in proposito.
    Ma ripeto..trattasi di informazione ERRATA. Io ho aperto un conto francese dopo sei mesi e nel frattempo avevo già comprato due sim con due operatori diversi.

    • Gentile Vittoria, ti assicuro che ciò che ho scritto corrisponde esattamente all’esperienza vissuta. Sono stato anche in punti vendita. Volevano una residenza francese e una carta di credito francese. Quanto all’online, ho fatto la procedura insieme con il collega che vive a Parigi da decenni. Lui ha persino parlato con il call center. Non metto in dubbio che a te sia andata bene. Evidentemente c’è molta discrezionalità da parte dei negozianti. Prova comunque online mettendo iban italiano e poi mi dici….

  • Questa estate avrei voluto una sim internet francese per navigare in internet durante una crociera in corsica. La sim me l’ hanno venduta a Mentone.. ma….. è stato IMPOSSIBILE attivarla. Probabilmente quindi proprio perchè la mia carta di credito era italiana! Quindi oltre non navigare in roaming spendendo una fortuna, ho buttato il costo dell’ acquisto della SIM Bouygue tel . Il loro call center continuava a farmi riprovare.. ma nulla da fare.

    • il problema è che non ti dicono ufficialmente cosa non va!

    • Ecco la prima risposta, di ARCEP: Bonjour,

      Nous vous
      remercions de votre témoignage

      L’ARCEP n’est pas
      compétente pour assurer le respect des dispositions du code de la consommation.

      Les manquements aux dispositions du code de la consommation relèvent de la
      compétence de la direction départementale de la protection des populations
      (DDPP), qui est chargée de veiller au respect du droit de la consommation.

      Cordialement,

      L’unité relations
      avec les consommateurs

      7, square Max Hymans – 75730
      Paris cedex 15

      http://www.telecom-infoconso.fr

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
ottobre: 2012
L M M G V S D
« Set   Nov »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031