Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Jailbreak: morto un pirata se ne fa un altro

Signora mia, non ci sono più i pirati di una volta! La chiusura di Hackulous non era stata prevista dai Maya, ma finisce comunque un mondo, per gli appassionati dei dispositivi Apple craccati, anzi, jailbrekkati. Hackulous era sinonimo di Installous, cioè il by-pass che permetteva di accedere a Cydia e scaricare gratuitamente applicazioni per iPhone e iPad (non tutte le versioni).  Il jailbreak – va detto – è pratica forse eticamente scorretta (perché penalizza gli sviluppatori di app) ma non (del tutto) illegale[1]. Negli Stati Uniti il dibattito su questo tema è molto acceso. E, comunque, morto un pirata se ne fa un altro, perché in giro per la rete ci sono parecchie alternative a Installous.

installous

Già, ma perché il team di Hackulous ha deciso di gettare la spugna? I pirati hanno dato un titolo poetico alla loro scelta: “Goodnight, sweet prince”…

“Siamo molto tristi nell’annunciare che Hackulous sta chiudendo. Dopo molti anni, la nostra comunità è diventata stagnante e nostri forum sono simili a una città fantasma. È diventato difficile tenerli online e ben moderati, nonostante la devozione del nostro staff. Siamo molto grati per il sostegno che abbiamo ricevuto nel corso degli anni e speriamo che fioriscano comunità migliori e più grandi in nostra assenza. With lots of love“.

Segno dei tempi? Forse. Le comunità di jailbrekkatori hanno dovuto far fronte ai sempre più frequenti aggiornamenti di iOS, il sistema operativo Apple per i dispositivi mobili. Appena si trovava una breccia, ecco spuntare un nuovo upgrade o un nuovo device. A furia di inseguire la Mela, i bruchi si sono stancati, ma gli emuli di Hackulous sono pronti a raccogliere il testimone.


[1] (Da Wikipedia) “L’utilizzo di Cydia non è una pratica illegale di per sé, anche se può ovviamente essere utilizzato per compiere atti illeciti. È vero che attraverso Cydia si possono installare anche IPA e pacchetti crackati, ma lo scopo primario è quello di installare applicazioni di terze parti non certificate da Apple. In America Cydia è stato dichiarato legale dalla corte federale, in Italia invece la questione non è ancora stata affrontata ufficialmente”.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
gennaio: 2013
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031