Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Agcom e l’insostenibile leggerezza dei sondaggi elettorali

Sulle pagine del sito del Governo dedicate ai sondaggi politico elettorali si legge che “L’attività del sito www.sondaggipoliticoelettorali.it è temporaneamente sospesa in applicazione dell’art. 8 della legge 22 febbraio 2000, n. 28 e dell’art. 7 della delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 256/10/CSP del 9 dicembre 2010”. La quaresima è cominciata. I sondaggi vanno avanti, ma i risultati possono essere noti solo ai committenti. In fondo è solo questione di soldi. Chi paga può conoscere i risultati dei sondaggi fino all’ultimo momento, i cittadini invece no, perché a giornali, tv e web è vietata la diffusione. Siamo troppo fragili ed emotivi, dice la legge sulla par condicio, rilanciata dal Regolamento Agcom del 9 dicembre 2010, e i sondaggi potrebbero influenzare le nostre scelte.

politicAPP

Ora, che la legge sulla par condicio sia stata approvata a suo tempo per tentare di arginare il conflitto di interessi è una cosa. Un’altra è tenere ancora in vita l’articolo 8 che proibisce la diffusione dei sondaggi. E’ roba anacronistica, inaccettabile. Non c’è nulla di analogo altrove, “se non in Russia, Grecia e nei Paesi dell’Europa dell’Est”, spiega al Sole 24 Ore Alberto Nardelli, cofondatore di Electionista, piattaforma con sede a Londra che segue politica e giornalisti di 100 Paesi su Twitter fornendo soprattutto sondaggi e aggiornamenti delle elezioni.

Teniamoci dunque l’articolo 8, come fossimo sudditi della Russia di Putin. E ingoiamo pure l’incredibile gaffe dell’Agcom, che prima ha autorizzato SWG a distribuire i sondaggi tramite l’applicazione a pagamento PoliticAPP (per Android e iOS) e poi ha fatto marcia indietro.

Un bel pasticcio.

In un’intervista a Simone Spetia di Radio24, il presidente di Agcom, Angelo Cardani, ha detto che SWG aveva interpellato il call center per l’autorizzazione e che il funzionario si era sbagliato. Poi Cardani ha fatto intendere che se l’applicazione fosse costata più dei dieci euro prefissati, forse sarebbe stata autorizzata. E quale sarebbe stato il prezzo giusto? 100, 200, 100 euro? Dunque, è soltanto questione di soldi? Lo so, non ci credete, ma ascoltate l’intervista (trasmessa sabato 9 febbraio).

spetia-e-cardani-tweet

Articolo 8 della legge sulla par condicio:

Art. 8 legge 22 febbraio 2000, n. 28

(Sondaggi politici ed elettorali)

1. Nei quindici giorni precedenti la data delle votazioni è vietato rendere pubblici o, comunque, diffondere i risultati di sondaggi demoscopici sull’esito delle elezioni e sugli orientamenti politici e di voto degli elettori, anche se tali sondaggi sono stati effettuati in un periodo precedente a quello del divieto.

Articolo 7 del Regolamento Agcom 256/10/CSP del 9 dicembre 2010:

Divieto di pubblicazione o diffusione dei sondaggi politici ed elettorali

Nei quindici giorni precedenti la data delle votazioni e fino alla chiusura delle operazioni di voto è vietato rendere pubblici o comunque diffondere i risultati, anche parziali, di sondaggi sull’esito delle elezioni e sugli orientamenti politici e di voto degli elettori, anche se tali sondaggi sono stati realizzati in un periodo antecedente a quello del divieto.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
febbraio: 2013
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728