Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Vine, se sei secondi vi sembran pochi per cogliere l’attimo…

Se centoquaranta caratteri vi sembrano pochi, cosa ne dite di sei secondi? Certo, se si è logorroici è dura avere a che fare con Twitter, ma il limite non ha impedito il successo del social network. Vedremo se accadrà lo stesso con le immagini in movimento da sei secondi proposte dall’applicazione Vine, oggi disponibile soltanto per i dispositivi mobili Apple (ma è soltanto questione di tempo e poi sbarcherà anche su Android & C.). C’è chi dice che sarà killer application e chi sostiene che sarà trend passeggero. Vine permette agli utenti di postare su Twitter e Facebook video-loop da sei secondi.

Vine

Via di mezzo tra ultra/micro/cortometraggi , GIF animate e scatti fotografici, Vine dà la stura alla creatività immediata.  E’ l’attimo da cogliere e postare così com’è  senza mediazioni o interventi di post produzione. Alcuni addirittura si azzardano a parlare di nuovo strumento per il giornalismo di strada in tempo reale.

Vine sorprende soprattutto per le funzioni che non ci sono. Non si può modificare il filmato, non ci sono filtri né pulsanti di registrazione o di play, non si può attingere a video già presenti nel rullino, non si può modificare il sound. Soltanto gli effetti audio veri, senza manipolazioni di sorta.  Si ha un solo colpo in canna: ripresa e condivisione. Insomma, Vine è un generatore in tempo reale di GIF animate con il suono.

L’esordio di Vine è stato funestato dal porno. Sul nuovo social si sono riversati i troll del cattivo gusto e dello squallore. E’ successo anche ai predecessori ormai consolidati come Facebook e Twitter, che poi sono riusciti ad arginare il fenomeno. Se Vine diventerà killer, arriveranno i filtri anti porno e anti troll. I programmatori sono al lavoro per correggere i difetti della giovinezza.

Quanto alle potenzialità, mi sono fatto una domanda: e se ci fosse stato Vine, al tempo delle rivolte di piazza piazza Tahrir? Avremmo avuto una valanga di microvideo da sessanta secondi , non rimaneggiati, nudi e puri.

Già, perché il buon Vine può fare buon sangue.

Vine è una app gratuita per iOS, da centellinare cliccando qui.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
febbraio: 2013
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728