Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Boston, se la rete telefonica va in crash

Sovraccarico. Troppe chiamate. A Boston la rete di telefonia mobile è andata in crash in tutta l’area dell’attentato. Era già successo a New York, dopo l’attacco alle torri gemelle dell’11 settembre 2011 e dopo l’uragano Sandy, il 29 ottobre 2012. I ripetitori per i cellulari sono predisposti per supportare un traffico “normale” di chiamate e, se ce ne sono molte di più, vanno in tilt. A Boston ne hanno fatto le spese soprattutto i cittadini che cercavano informazioni sui familiari coinvolti, mentre soccorritori e forze di polizia hanno gestito la crisi grazie ai ponti radio delle singole organizzazioni di emergenza. L’assenza di campo telefonico ha comunque creato problemi anche a loro. Disservizio inevitabile? Hari Balakrishnan, docente di informatica del Massachusetts Institute of Technology, dice di no.

 

Rete di telefonia mobile in tilt dopo l’attentato a Boston

 

Lo scienziato, che dirige il MIT Center for Wireless Networks and Mobile Computing, è convinto che le reti di telefonia mobile possano e debbano essere in grado di funzionare anche durante disastri come quello di Boston, quando cittadini e autorità hanno più bisogno di usare i telefoni cellulari.

Il prof Balakrishnan aggiunge che si devono aumentare gli investimenti per riprogettare le reti, renderle flessibili e adattabili alle emergenze.

 

Rete di telefonia mobile in tilt dopo l’attentato a Boston

 

E’ vero che le reti sono in costante evoluzione tecnologica, ma non sono costruite per reggere l’impatto di chiamate durante una crisi come quella conseguente all’attentato di lunedì. E’ un problema di architettura, e il direttore del CWNMC suggerisce la soluzione, peraltro già ampiamente sperimentata nei laboratori del MIT.

I ripetitori di telefonia mobile – dice il prof Balakrishnan – devono essere in grado di implementare tecnologia aggiuntiva che consenta, in caso di emergenza, di instradare le chiamate in eccesso sulle vicine reti Wi-Fi. I modelli matematici – sottolinea il ricercatore – hanno dimostrato che si può fare.

Già, ma chi pagherebbe la spesa dell’implementazione? I gestori? La protezione civile? Si tratta di valutare costi e benefici. Intanto la soluzione tecnica sembra a portata di mano.

Fonte: Boston Globe


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
aprile: 2013
L M M G V S D
« Mar   Mag »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930