Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Smartphone Android spediti nello spazio come satelliti

Vecchiotti ma gagliardamente spaziali. Tre smartphone Android HTC Nexus One sono stati in orbita dal 21 al 27 aprile. Sono i satelliti più piccoli ed economici lanciati finora nello spazio, pionieri della missione PhoneSat NASA’s Smartphone Nanosatellite. I tre smartphone, opportunamente potenziati, hanno  interagito con i radioamatori di tutto il mondo, chiamati a partecipare alla missione di monitoraggio della trasmissione di dati e immagini. I nanosatelliti, infatti, hanno emesso pacchetti radio sulle frequenze radioamatoriali. Su questo link ci sono i dettagli e questo è il cruscotto dal quale i radioamatori hanno potuto operare.

 

I tre Android HTC Nexus One sono stati lanciati domenica 21 aprile dalla base spaziale Wallops in Virginia con il vettore Antares/Cygnus. Il volo orbitale si è concluso il 27 aprile, quando i satelliti si sono ridotti in piccoli frammenti nell’impatto con l’atmosfera terrestre. Scopo della missione era verificare se la tecnologia con cui è equipaggiato uno smartphone consumer può essere utile a supportare i sistemi avionici di un satellite. Insomma, la NASA vuole percorrere anche questa strada per ridurre i costi delle attività spaziali.

Va detto che i “vecchi” Android HTC Nexus One si sono comportati bene e i dati trasmessi sono stati ricevuti da numerose stazioni radioamatoriali terrestri oltre che dal centro di coordinamento PhoneSat di Moffett Field, in California. Ogni smartphone ha svolto il compito di computer di bordo del satellite. I sensori (GPS, accelerometro, giroscopio) sono stati utilizzati per la localizzazione, mentre la macchina fotografica scattava foto della Terra. Su questa pagina sono state pubblicate alcune delle immagini inviate. Un po’ quadrettate ma comunque suggestive.

Gli smartphone sono stati modificati con una batteria agli ioni di litio e un’antenna di trasmissione più potenti e poi inscatolati ognuno in un cubo metallico. Ovviamente sono state disabilitate le funzioni telefoniche e per la ricezione e l’invio di messaggi di testo.  Costo totale dei componenti, meno di settemila dollari.

La NASA è soddisfatta dell’esperimento e la missione proseguirà con altri lanci. I radioamatori, dunque, possono tener d’occhio questa pagina.

PS. Chissà se spediranno nello spazio anche qualche iPhone. Apple deve esserci rimasta male.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
aprile: 2013
L M M G V S D
« Mar   Mag »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930