Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Ammazza Blog, a volte (purtroppo) ritornano

A volte (purtroppo) ritornano. La legge ammazza-blog sta per spuntare di nuovo in Parlamento, al seguito delle proposte PdL per le intercettazioni. I dettagli non sono ancora noti ma le avvisaglie sono preoccupanti, poiché l’idea è quella di rifarsi alla vecchia proposta Alfano del giugno 2009approvata poi dal Senato nel 2010 e quindi finita nel dimenticatoio della Camera nell’ottobre 2011. Il primo tentativo – è doveroso rammentarlo – risale al 2008, quando al governo c’era il centrosinistra e il promotore, Ricardo Franco Levi (PD), era sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. Adesso si parla di tre proposte di legge firmate rispettivamente da Maurizio Bianconi, Domenico Scilipoti ed Enrico Costa.

we-can-blog-it

Tralasciando al momento il nodo intercettazioni, va ricordato che la proposta Alfano conteneva una norma definita fuori dal palazzo come Ammazza-Blog. Il tema del dibattito era legato alle responsabilità dei gestori dei siti Web e al loro obbligo di rettifica sui contenuti pubblicati. Un obbligo che i legislatori PdL avrebbero voluto automatico, quindi alla semplice richiesta effettuata dai soggetti che si ritenevano lesi nella reputazione o consideravano i testi non veritieri. Il tutto dimenticando che esiste già una legge che si occupa di questi casi, ovvero quella sulla diffamazione.

“Per i siti informatici, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono”, riporta il comma 28 dell’articolo 1 del DDL. La norma non prevedeva la possibilità di replica e per di più sanzionava la mancata rettifica fino a 12mila euro.

Ai tempi si scatenò il finimondo soprattutto perché l’obbligo di rettifica per qualsiasi sito (blogger compresi) si sarebbe tradotto in una limitazione della libertà di parola e espressione, almeno secondo gli esperti.

Da allora vi sono stati altri tentativi: l’ultimo è dell’aprile 2012 quando nella bozza sulle intercettazioni dell’ex guardasigilli Paola Severino è rispuntata la storia della rettifica.

Il Parlamento al momento sembra essere spaccato sull’argomento. Molti hanno fatto notare il momento inopportuno per presentare un disegno di legge così controverso. Il rischio è quello di legare il destino del Governo a un’iniziativa che non sembra rientrare fra le priorità del paese.

“In Parlamento si ricomincia a parlare di intercettazioni. E quando se ne parla si finisce per ipotizzare anche sanzioni per i giornalisti che venuti in possesso dei testi li rendono pubblici. Il rischio è che si ripeta l’indecente spettacolo a cui abbiamo assistito nella precedente legislatura”, ha commentato il sindacato dei giornalisti Fnsi.

La Federazione della Stampa ha aggiunto che “non starà a guardare e che provvedimenti che non fossero equilibrati e che, invece di tutelare i cittadini, tendessero a colpire il loro diritto ad essere informati ed il dovere dei cronisti di informare, troveranno la più ferma e decisa opposizione di tutta la categoria”.

(Grazie a Dario D’Elia di Tom’s Hardware)

 


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
maggio: 2013
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031