Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Makers a scuola di stampa 3D

Ci sono stampanti 3D che si riproducono e danno così vita a stampanti simili, quasi clonate, che costano meno dell’originale. Tutto merito del Progetto RepRap e degli artigiani digitali che lo tengono in vita e lo alimentano con nuove idee. Come i fratelli Lorenzo e Luciano Cantini, specialisti delle stampanti 3D. Con la loro Kentstrapper hanno creato a Firenze il primo centro RepRap italiano e girano il paese per raccontare presente e futuro di una tecnologia che farà la differenza. Luciano è salito in cattedra a Bari per una lezione di stampa 3D, organizzata dalla Maker Zone pugliese nata un mese fa con il sostegno di ARTI, Bollenti Spiriti e Bad Ideas[1].  

Luciano Kantini con la sua Kentstrapper

Luciano Cantini ha raccontato ogni dettaglio ai makers che hanno partecipato all’iniziativa. Dai bit agli atomi, dal progetto creato con un software di modellazione tridimensionale fino alla costruzione dell’oggetto, pezzo dopo pezzo. Una stampante 3D lavora prendendo un file 3D da un computer e utilizzandolo per fare una serie di porzioni in sezione trasversale. Ciascuna porzione è poi stampata l’una in cima all’altra per creare l’oggetto 3D.

La maggior parte dei pezzi di questa stampante 3D è stata costruita da un’altra stampante 3D (progetto RepRap).

Si può stampare proprio di tutto 😉

Le stampanti 3D costano sempre meno e stanno diventando accessibili alle piccole e medie imprese. Prima o poi le vedremo anche negli uffici o nei negozi che oggi vendono piccoli pezzi di ricambio che arrivano da chissà dove e invece potranno essere stampati lì sul posto. Grazie al deposito di un filamento di materiale plastico, infatti, possono essere creati oggetti reali. Ognuno potrà produrre da sé alcune delle cose che servono nella vita quotidiana. Per far sì che le stampanti 3D esprimano appieno le loro potenzialità sono necessarie persone in gamba, che sappiano come farle funzionare. E’ questo il senso del primo corso di stampa 3D promosso dalla Maker Zone pugliese.

Stay tuned su questo gruppo Facebook per le prossime iniziative.

Luciano Cantini (di spalle) racconta la stampa 3D ai makers pugliesi



[1] ARTI è l’Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione della Puglia. L’attività dell’ARTI si inserisce nella strategia di sviluppo economico della Regione Puglia, basata sul ruolo della Ricerca e dell’Innovazione per la crescita economica e la coesione sociale, ed è orientata a promuovere, stimolare e soddisfare la domanda di innovazione delle imprese e dei sistemi produttivi locali e la riqualificazione del capitale umano.

Bollenti Spiriti è il programma della Regione Puglia per le Politiche Giovanili, cioè un insieme di interventi e di azioni per consentire ai giovani cittadini pugliesi di partecipare a tutti gli aspetti della vita della comunità.

L’associazione Bad Ideas, insieme all’associazione InSynchLab, sono da sempre impegnate nella promozione della cultura e dell’arte digitale, attraverso l’organizzazione di iniziative, workshop, scambi culturali e artistici intorno al tema delle digital arts e dei makers.


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
maggio: 2013
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031