Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

ERT greca: l’oscuramento un fulmine a ciel sereno

Dimitri Deliolanes, giornalista, corrispondente dall’Italia della Ellinikí Radiofonía Tileórasi (ERT), il servizio radiotelevisivo pubblico greco “spento” ieri sera per decisione del governo di Atene, mi ha raccontato cosa c’è dietro l’oscuramento dei trasmettitori. “Per tutti noi è stato un fulmine a ciel sereno. Nessuno se lo aspettava e, soprattutto, si aspettava una decisione così drastica. Persino durante la seconda guerra mondiale la radio pubblica ha continuato a trasmettere. Persino dopo il colpo di stato dei ‘Colonnelli’ la TV pubblica non è stata oscurata”. 

Dimitri Deliolanes, giornalista, corrispondente  dell'ERT dall'Italia

Dimitri Deliolanes, giornalista, corrispondente dell’ERT dall’Italia

“Siamo stati tutti licenziati senza preavviso – aggiunge Deliolanes – senza ricevere prima neanche una lettera, una eMail o una telefonata. Credo che non ci siano precedenti al mondo. Adesso la Grecia è il solo paese dell’Unione Europea senza un servizio pubblico radiotelevisivo”.

Qual è stato secondo te il fattore scatenante della decisione?

“Il Governo doveva licenziare duemila dipendenti statali entro giugno, nell’ambito del piano di ristrutturazione della Pubblica Amministrazione. Hanno deciso di liquidare la ERT per far vedere alla Troika che stanno svolgendo bene il compito. Siccome non hanno una visione strategica del settore, non hanno le idee chiare su come funzioni la macchina dello Stato, hanno deciso di cominciare con noi.

In realtà va sottolineato l’intreccio perverso tra l’emittenza privata e il potere politico. Tutti gli imprenditori che hanno investito nel settore radiotelevisivo privato fanno affari con lo Stato (appalti, forniture, eccetera). In cambio quelle stazioni radiotelevisive assicurano sostegno ai politici durante le campagne elettorali. Ecco, adesso il settore privato avrà il monopolio dell’informazione. Saranno loro a decidere cosa potrà o non potrà sapere il popolo greco” (segue…)

(L’intervista completa è sul sito Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai)


Twitter: @pinobruno

  • saverio_massari

    Non avrei mai immaginato che accendendo la radio un mattino (ieri) avrei appreso una notizia simile. E’ difficile immaginare un’informazione con lo stesso grado di sorpresa: una guerra? Un abbandono dell’euro? E poi: alle porte di casa. Ho letto tutta l’intervista a Deliolanes: sempre più dipendenti dal denaro, nell’Europa che non volevamo. Avremmo bisogno di più servizio pubblico, ma quello che c’è perde pezzi. Avremmo bisogno di efficaci strumenti politici, ma quelli che abbiamo, a pezzi, sono già del tutto – o quasi. Sull’uno e sull’altro fronte cresce l’importanza dei blog.

  • Pingback: x-cosmos.info ERT greca: l’oscuramento un fulmine a ciel sereno | x-cosmos.info()

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
giugno: 2013
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930