Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Danimarca: l’Authority per la privacy boccia Google Apps

Odense è la terza città della Danimarca, per numero di abitanti. Qualche tempo fa l’amministrazione comunale ha scelto il pacchetto Google Apps per organizzare calendario, programma di studio e valutazione dei percorsi di apprendimento degli alunni delle scuole cittadine. Dunque Google Docs per scrivere testi, Google Calendar per la pianificazione, GMail per la posta elettronica. Costi competitivi, nessun software da installare. Tutto sulla “nuvola”, cioè Cloud Computing. Già, ma l’iniziativa è stata clamorosamente bocciata dall’Autorità nazionale danese per la privacy (Datatilsynet).

Il municipio di Odense, in Danimarca

L’episodio è raccontato su MediaLaws.eu dall’avvocato Mario Guglielmetti.

Il Comune di Odense – sentenzia l’Authority – pur essendo “proprietario” dei dati sensibili digitati e archiviati con la suite Google Apps (nomi e cognomi degli studenti e degli insegnanti con altre informazioni anagrafiche e personali), non sa dove gli stessi dati siano fisicamente custoditi.

In quale dei tanti server di Google? In quale nazione? Inoltre l’Amministrazione comunale non è in grado di assicurare la cancellazione dei dati né l’applicazione delle misure minime di sicurezza.

 

Infine – scrive Guglielmetti – il Comune danese, pur essendo il “data controller” (in linguaggio privacy italiano: il titolare), e quindi il dominus delle finalità e modalità del trattamento, una volta stipulato il contratto (di fornitura di servizi digitali) con Google aderendo alla sua “privacy policy”, non sembra possa poi influire significativamente su tali modalità.

Insomma, secondo l’Autorità danese per la protezione dei dati personali, una pubblica amministrazione non può usare Google Apps per il trattamento di dati sensibili.

Ci sono casi analoghi, in Italia? E qui, come si comporterebbe l’Autorità garante della privacy?

 

 

Fonti: MediaLaws.eu, Oppic Puglia

+

+

+

 


Twitter: @pinobruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
aprile: 2011
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930