Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Stai Visualizzando

Post taggati con ‘ Francia ’

Open Data anche nella metropolitana parigina

Potenza degli open data, che le pubbliche amministrazioni italiane ancora snobbano per paura di svelarsi e svelar magagne. Altrove tira tutt’altra aria e anche le aziende giocano alla trasparenza. La metropolitana parigina, ad esempio, ha liberato dati e informazioni di ogni genere, dalla qualità dell’aria, al traffico, al numero di passeggeri, ai commercianti convenzionati, alla

Continua

Insolita Parigi in un minuto al giorno

Paris en plus grand, un minuto al giorno in video per raccontare la capitale francese e l’Ile-de-France attraverso luoghi poco conosciuti, lontani dalle rotte turistiche classiche. E’ una campagna di comunicazione promossa dalla società pubblica RATP, che gestisce i trasporti a Parigi e nella sua banlieue, affidata alla giornalista di France 2 Sophie Jovillard.

Continua

Vuoi comprare una SIM in Francia? Te la scordi

Que c’est triste, talvolta, l’Europa. Un po’ come la Venezia cantata da Aznavour. T’illude quando varchi le frontiere di Schengen[1] senza mostrare il passaporto, e poi meschinamente t’impedisce di comprare una SIM a Parigi. Già, perché i gestori di telefonia mobile francesi fanno i furbi e non rispettano le norme UE sulla Single Euro Payments

Continua

Gli Open Data e i posacenere di Bordeaux

Se mi chiedete qual è la valenza rivoluzionaria degli open data, rispondo che quando una pubblica amministrazione diventa trasparente, il cittadino può conoscere financo l’ubicazione geolocalizzata di ogni singolo posacenere installato in città. Caso estremo? Neanche tanto. Il portale open data del Comune di Bordeaux, in Francia, pubblica persino quelli, con tanto di coordinate GPS

Continua

La legge Hadopi ha i giorni contati?

Due donne, due ministre, contro la liberticida legge Hadopi, che in Francia permette di tagliare la connessione a Internet se si fa download di file coperti dal copyright. Lo aveva fatto intendere, appena insediata, la ministra per l’innovazione e l’economia digitale, Fleur Pellerin. Lo ha ribadito, in un’intervista al Nouvel Observateur, la ministra per la

Continua

e-diplomacy e il mondo non ha più segreti

Che lavoro straordinario hanno fatto i giornalisti dell’AFP! La storica agenzia di stampa francese, tra le più affidabili e prestigiose al mondo, conferma la perfetta padronanza dei nuovi media – soprattutto Twitter – con la creazione di e-diplomacy, raffinata applicazione web candidata a diventare approdo irrinunciabile per chiunque si occupi di comunicazione, informazione e politica

Continua

Addio vecchio Minitel ci hai fatto sognare

E quando non c’era internet, come facevamo? Noi ragazzi smanettoni degli anni Ottanta ci arrangiavamo con i BBS, antesignani della rete, rudimentali bacheche elettroniche che ci costavano tempo, fatica e soldi. I modem viaggiavano a 1200 e poi 2400 bit per secondo e c’erano la teleselezione e la famigerata TUT, la tariffa urbana a tempo.

Continua

Agenda digitale: la Francia ha una Fleur per ministro

Ora, non voglio infierire, ma proprio stamattina ho letto su Repubblica che l’Italia ha la classe dirigente più vecchia d’Europa, mentre un paio di giorni fa in Francia è stata nominata ministro per l’innovazione e l’economia digitale la trentottenne Fleur Pellerin. Direte che pure noi abbiamo avuto al governo fanciulle come Gelmini e Carfagna, dunque

Continua

Giornalisti: chi erano quelli veri durante il dibattito tra Hollande e Sarkozy

Millenovecentocinquantuno caratteri, spazi inclusi. L’editoriale del direttore di Internazionale, Giovanni De Mauro, sull’ultimo numero del settimanale, dice più cose su vecchi e nuovi giornalismi di quante ne abbiano dette e scritte in tonnellate di parole, saggi e articoli, fior di sedicenti Maître à penser della professione. Millenovecentocinquantuno caratteri, spazi inclusi, che valgono quanto un intero Festival del giornalismo. Buona

Continua

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
luglio: 2019
L M M G V S D
« Ago    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031