Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Europeana: la cultura europea in bit

Se le premesse sono queste, non c’è da essere troppo ottimisti.  Nascerà a novembre Europeana,  il progetto approvato dall’Unione Europea per digitalizzare e mettere in rete il suo patrimonio culturale. Sul sito l’ultimo comunicato stampa risale a febbraio 2008 ed è stato diffuso in inglese, olandese, tedesco, lettone, lituano e ungherese. Francese, spagnolo e italiano, cioè le lingue dei paesi che, messi insieme, custodiscono gran parte dei tesori culturali del vecchio continente, sono state trascurate. Eppure il nome Europeana è stato ceduto dalla Bibliothéque Nationale de France e, si sa, i francesi sono maestri in tema di sciovinismo. Con tutto il rispetto dovuto per lettone e lituano, lingue nobili ma meno diffuse di francese spagnolo e italiano, penso che si tratti di una gaffe che va superata di qui a novembre.

Prima di farvi leggere  gli ultimi comunicati ufficiali che annunciano l’attività di Europeana, osservo che questo progetto dovrebbe essere la risposta europea alla Google Library, cioè al colosso privato di Page e Brin. In confronto i 120 milioni di euro stanziati dalla UE appaiono briciole. E poi c’è un problema non secondario, la compatibilità digitale. Ogni museo, biblioteca, emeroteca, cineteca, discoteca adotta il suo sistema. Spesso in una stessa nazione ci sono standard differenti che non fanno comunicare tra loro gli archivi. Quale sarà la scelta di Europeana?

Ecco intanto il comunicato dell’11 febbraio 2008

These boots were made for…

Van Gogh’s down at heel boots were the first thing to appear on the test website of the European digital library today. The website, branded Europeana, will break new ground by bringing together millions of digitised resources from Europe’s archives, museums, libraries and audio visual collections through a single portal.

The site model was previewed at a conference in Frankfurt last week to holders of digital content, including curators, archivists, publishers and librarians. They were shown how a user would be able to use sophisticated browsing and searching to find paintings, photographs, objects, books, newspapers, archival records, films and sound that have been digitised by Europe’s heritage organisations.

The European Commission, a strong advocate of a European digital library, expressed its support for Europeana. Horst Forster, Director of Digital Content and Cognitive Systems in the Information Society Directorate, attended the conference, and commented, ‘Europeana is ambitious in its scale and scope. It’s making the connections between the whole network of cultural heritage digitisation programmes in Europe, and promises to be a very powerful service. It will enable citizens to explore how ideas were transmitted between countries, how political or social trends developed, how artistic movements influenced the whole continent.’

Europeana is developing practical, user-defined tools for exploring and sharing content in a multilingual interface. The tools will make it easy for users to combine or compare related material across different countries – for example the artefacts, imagery, records and writings relating to the Roman Empire, the Vikings or the Renaissance.

Van Gogh’s Pair of Shoes is also the starting point for Europeana‘s promotional web video. Introduced by Nancy Sinatra’s 1966 hit, These Boots Are Made For Walkin’, the video takes the audience on a series of journeys through Europe – on pilgrimage, seeking work and marching to war.

The purpose of the video is to encourage European institutions to make their digital content available to Europeana. As Martine de Boisdeffre, Présidente of the European Regional Branch of International Council on Archives said, ‘Users expect to be able to connect the different types of cultural heritage material. To make this possible, organisations need to provide their metadata to Europeana. So many excellent digital resources lie below the surface of the web at present, and aren’t easily located by search engines. Europeana will make this material accessible as never before’.

The demo of Europeana and the video can be seen at http://www.europeana.eu/

The European digital library project began to develop the Europeana web portal in autumn 2007 with funding from the European Commission. This is the first public showing of the look and feel of the site and its potential functions and content.

Users’ responses to the demonstration site are being surveyed online and in focus groups around Europe. Thorough testing will continue throughout the building of Europeana. This is being done to ensure that when the prototype is launched in November 2008, it will give users all the functionality that they expect.

November’s prototype will give direct access to at least 2 million digitised objects, including books, photos, maps, sounds, films and archival records from Europe’s libraries, archives, museums and audio-visual collections.

The Europeana project is directed by the European Digital Library Foundation, which includes the following members:

Martine de Boisdeffre, EURBICA: European Regional Branch of International Council on Archives

Edwin van Huis, FIAT: International Federation of Television Archives

Claudia Dillmann, ACE: Association Cinémathèques Européennes

Massimo Negri, EMF: European Museums Forum

Elisabeth Niggemann, CENL: Conference of European National Librarians

Hans Geleijnse, LIBER: Ligue des Bibliothèques Européennes de Recherche

Christophe Dessaux, MICHAEL: Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe

Wim van Drimmelen, Koninklijke Bibliotheek, national library of the Netherlands

ICOM Europe: International Council of Museums, Europe

CERL: Consortium of European Research Libraries

INA: Institut National de l’Audiovisuel, France

Bundesarchiv, Germany

The Bibliothèque nationale de France created the name and the Europeana domain and generously agreed to their transfer to the EDL Foundation.

Europeana is hosted by the Koninklijke Bibliotheek, the national library of the Netherlands, and led by the Conference of European National Librarians.

The project is one of the Commission’s flagship i2010 initiatives to create a European Information Society for growth and jobs (see IP/05/643).

On 25 August 2006, the Commission adopted a Recommendation on digitisation and digital preservation (see IP/06/1124 and MEMO/06/311) which urged EU Member States to set up large-scale digitisation facilities, so as to accelerate the process of getting Europe’s cultural heritage online via the European digital library.

In November 2006 the idea of a European digital library was strongly endorsed by the Culture Ministers of all EU Member States and was recently backed by the European Parliament in its resolution of 27 September 2007.

With thanks to the Van Gogh Museum Foundation, Amsterdam, and the Vincent van Gogh Foundation for permission to use van Gogh’s Pair of Shoes in the Europeana demo and video.

…e quello del 28 novembre 2007

Ieri, la Commissione Europea ha approvato il lavoro della European Digital Library Foundation che ha consegnato ufficialmente il proprio statuto. “I cittadini europei dovrebbero essere tutti in grado di godere del nostro ricco patrimonio culturale. Questa Fondazione è un passo significativo verso la realizzazione di questo ambizioso traguardo” ha commentato il Commissario Viviane Reding, responsabile per la Scita dell’informazione e i media, ” Dimostra l’impegno delle istituzioni culturali a lavorare assieme per rendere le loro collezioni disponibili e interrogabili dal pubblico, attraverso un punto di accesso multilingue online” .

Fanno parte della Fondazione alcune associazioni chiave nell’ambito del patrimonio e dell’informazione europea:

Martine de Boisdeffre, EURBICA: European Regional Branch of International Council on Archives

Edwin van Huis, FIAT: International Federation of Television Archives

Claudia Dillmann, ACE: Association Cinémathèques Européennes

Massimo Negri, EMF: European Museums Forum

Elisabeth Niggemann, CENL: Conference of European National Librarians

Hans Geleijnse, LIBER: Ligue des Bibliothèques Européennes de Recherche

Christophe Dessaux, MICHAEL: Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe

Wim van Drimmelen, Koninklijke Bibliotheek, national library of the Netherlands

ICOM Europe: International Council of Museums, Europe

CERL: Consortium of European Research Libraries

Lo statuto le impegna a

  • Fornire accesso la patrimonio europeo culturale e scientifico attraverso un unico portale trasversale

  • Cooperare nella realizzazione e sostenibiltà del portale

  • Sostenere la digitalizzazione del patrimonio europeo culturale e scientifico

EDL (European Digital Library, il progetto della cui rete fa parte anche l’Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna), sta sviluppando il prototipo che sarà attivo dall’anno prossimo. In occasione della consegna al Commissario, la Fondazione ha annunciato che il primo tema sviluppato dal sito sarà quello dedicato alla CITTA’.

La CITTA’ è un tema ampio che consentirà al prototipo di dare spazio alla esperienza urbana europea sotto vari punti di vista, quali ad esempio:

  • Città del futuro/città del passato

  • Fenomeni migratori e diaspora

  • Commercio e industria

  • Design, shopping e stile di vita

  • Vaiolo, colera e peste: la strada verso la salute urbana

  • Archeologia ed architettura

  • Utopie e città dell’immaginazione

  • Sommosse e disordini

  • Palazzi e politica

Il progetto EDL sta raccogliendo contenuti digitali da archivi, musei, collezioni audio-video, biblioteche europee. Userà carte, manufatti, foto, suono, film, libri, documenti d’archivio e opere d’arte per esplorare due millenni di legami fra città europee.

Wim van Drimmelen, fondatore e direttore della Biblioteca Reale dei Paesi Bassi, che ospita l’iniziativa EDL, ha detto: ” archivi, musei, collezioni audio-visive e biblioteche stanno collaborando per fare sì che le loro risorse si incontrino in un mondo virtuale, indipendentemente dall’effettiva localizzazione dell’originale, perché è quanto gli utenti si aspettano. Tuttavia, i benefici non sono solo per gli utenti: il lavoro di sviluppo sta rappresentando un forum eccezionale per il travaso di esperienza fra i vari settori, accrescendo la nostra capacità collettiva di rispondere al cambiamento dei bisogni dell’utenza e conservando la nostra importanza nel mondo in del digitale, sempre in rapida evoluzione.

Per ogni informazione: Jonathan Purday, tel.  00 31 [0] 70314 0684

[email protected]


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da Pino Bruno

  • @ Maria Giovanna Pontesilli

    ..complimenti per l'iniziativa e auguri di buon lavoro!

  • Salve! Lavoro presso la Biblioteca della Facoltà di Scienze Politiche della Tuscia. La Biblioteca è nata ad aprile 2008 ed è quindi unapiccolissima realtà con poche opportunità di crescita. Abbiamo quindi pensato di sviluppare il settore del digitale (magari una mediateca) per creare qualcosa che, in questa nostra "piccolezza", ci distingua – rispetto alle altre biblioteche dell'ateneo, che hanno invece un notevole patrimonio bibliografico – come centro in grado di offrire nuovi materiali e servizi innovativi, sia all'utenza universitaria sia al territorio.

  • Pingback: Europeana: la cultura europea in bit (seconda parte)()

  • Gentile Manlio, ce lo auguriamo tutti. Speriamo che non sia uno dei tanti progetti annunciati e mai realizzati!

  • Manlio NITTI

    Ho appreso di Europeana da Rebubblica.
    Sono certo che, insieme ad altre iniziative importanti per lo sviluppo e la diffusione della cultura, questo nuovo portale costituirà un riferimento determinante ed il segno di ulteriore sviluppo, civile e di pace, a livello mondiale ed a partire dalla nostra veccha Europa.

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
agosto: 2008
L M M G V S D
« Lug   Set »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031