Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Cosa succederebbe se il New York Times chiudesse a maggio?

“Cosa succederebbe se il New York Times chiudesse, diciamo, a maggio”? si chiede Micheal Hirschorn (The Atlantic), su Internazionale, il settimanale a cui sono abbonato da anni e del quale non riuscirei a fare a meno. La crisi dei giornali di carta è la storia di copertina del numero in edicola. Quattro grandi reportage da non perdere. Lettura consigliata in particolar modo ai giornalisti italiani, senza contratto da 1469 giorni.

In tutto il mondo i quotidiani perdono copie e pubblicità, riducono le redazioni, rischiano la chiusura. Ma il futuro dell’informazione non è mai stato così promettente“, strilla Internazionale in copertina. In particolare, le riflessioni di Eric Alterman (Salviamo le notizie non i quotidiani), sono un pugno nello stomaco. Alterman si sofferma sulla differenza tra l’editoria statunitense e quella europea (…ho la sensazione che negli Stati Uniti non solo i politici, ma anche molti giornalisti lascerebbero sparire il 95 per cento dei giornali prima di accettare un solo centesimo dal governo…).

Come non condividere la riflessione del direttore di Internazionale, Giovanni De Mauro? “I giornalisti non hanno mai avuto tanti lettori come oggi. Grazie a internet i loro articoli raggiungono un numero enorme di persone, soprattutto giovani. Il New York Times vende meno di un milione di copie su carta, ma online ha oltre 20 milioni di visitatori unici al mese. I giornali sono in crisi, non l’informazione. Oggi si scrivono e si leggono più notizie di quanto sia mai successo nella storia dell’umanità. Siamo in grado di informarci più rapidamente e più approfonditamente di trenta, venti o anche solo dieci anni fa. Cercare, raccogliere e distribuire notizie non è mai stato così facile e a buon mercato. Insomma, si è esaurito un modello industriale ed economico, non il mestiere di giornalista né il bisogno di essere informati. Naturalmente bisognerà trovare delle alternative a quel modello. Ma non è la fine del mondo. C’era un tempo in cui per comunicare con gli altri facevamo dei disegni nelle grotte. Qualcuno ne sente la mancanza?”


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da Pino Bruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
marzo: 2009
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031