Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Carta di Identità Elettronica, Carta Nazionale dei Servizi, Tessera Sanitaria: non sono troppe?

Qualè lo strumento più adatto per fornire servizi on line ai cittadini? La Carta di Identità Elettronica (CIE) oppure la Carta Nazionale dei Servizi (CNS)? La pubblica amministrazione ha scelto di non scegliere e continua ad andare avanti in ordine sparso. Così ad Aosta e a Prato – per fare due soli esempi – si adotta la CIE. L’ Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento e l’Inps – per fare altri due esempi – hanno invece optato per la CNS. Il risultato appare grottesco. Ogni cittadino, per muoversi agevolmente sul territorio nazionale e interagire con le singole pubbliche amministrazioni, dovrebbe avere in tasca Carta di Identità Elettronica, Carta Nazionale dei Servizi, Tessera Sanitaria e tirare fuori, di volta in volta, il tris completo o la singola carta. Il risultato, comè facile intuire, è grottesco. L’unico effetto prodotto è quello di allontanare il cittadino dall’innovazione. Insomma, e-Government all’italiana.

Sul “Curioso caso della Carta di Identità Elettronica” c’è un recente articolo di Ermanno Lazard per Wired.it. Mi ci riconosco. Ho nel portafogli la mia seconda CIE (la prima mi era scaduta e l’ho rinnovata). C’è la mia foto, la mia impronta digitale e un microchip. Vuoto. Inutile. La mia città – Bari – non eroga alcun servizio. La mia regione – Puglia – non eroga alcun servizio. Sul sito ufficiale della CNS leggo però che la Regione Puglia  è tra le “amministrazioni che hanno aderito al contratto quadro emettendo le CNS per accedere ai propri servizi online”. Quali? Qui si fa tutto a mano e in coda.  Scrive Lazard: “…E arriviamo a oggi. Cioè al punto di partenza. Il decreto “milleproroghe” posticipa  a fine anno il momento in cui la carta elettronica dovrà diventare lo strumento esclusivo per dialogare con la Pubblica Amministrazione. Tra 12 mesi, si accettano scommesse, arriverà un’altra proroga. Poi un’altra. In compenso al Ministero degli Interni sono istituiti tre comitati di esperti che discettano di chip, middleware open source, smart card e varie amenità. Quanti soldi siano stati buttati tra progetti, consulenze varie, società inutili, spese legali  e quant’altro nessuno lo sa“.

Se si naviga in rete alla ricerca del perchè e del percome dal cilindro del legislatore siano spuntati fuori tanti conigli invece di uno solo, la confusione aumenta. Sarò limitato, ma non sono proprio riuscito a comprendere perchè i servizi on line della pubblica amministrazione debbano viaggiare su così tanti binari che portano ad una sola meta. Meglio, una spiegazione ci sarebbe: tanti progetti sovrapposti significano tanti soldi spesi. La CIE dipende dal Ministero dell’Interno. La CNS è un’emanazione del CNIPA, che fa capo al Ministero per l’Innovazione. La Tessera Sanitaria è gestita dalle regioni e quindi dalle aziende sanitarie locali. E’ evidente che queste amministrazioni non dialogano molto tra loro. CIE e CNS sono state individuate come strumenti di semplificazione del rapporto tra P.A. e cittadini. Succede il contrario.

Pubblicato da Pino Bruno

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
marzo: 2009
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031