Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

In Sicilia si annuncia l’energia smart grid

In Sicilia l’energia autoprodotta viaggerà in una smart grid intelligente. La rete elettrica come internet. Ogni cittadino, ogni piccola e grande azienda, può creare energia rinnovabile, consumare quella che serve, mettere in rete il surplus o attingere dalla rete stessa. I contatori svolgeranno lo stesso compito dei router. Smisteranno elettricità invece che dati, in base alle esigenze del momento.  E’ ambizioso il Piano Energetico Ambientale della Regione Sicilia (PEARS). Una scommessa dell’economista Jeremy Rifkin e del governatore Raffaele Lombardo, anche se Legambiente lo considera “soltanto una dichiarazione di intenti”. Il PEARS si ispira ai principi di base della società dell’informazione e li applica all’energia. Solare termico, fotovoltaico, eolico, biomasse, biocombustibili, idrogeno, mini idraulica. Produzione ma anche risparmio ed efficienza energetica.

Il PEARS prevede che gli edifici vecchi e nuovi possano diventare centrali energetiche con l’integrazione di tecnologie solari e eoliche. L’energia prodotta sarà in parte trasformata in idrogeno da usare come carburante. Una delle parole d’ordine è la “decarbonizzazione” della Sicilia. “…Fermare l’incremento di emissioni nel settore della produzione di energia elettrica, arrestando ogni aumento dell’uso del carbone come fonte primaria…”.

”La Sicilia grazie alla sua esposizione geografica – sottolinea  Lombardo – e’ una regione che si adatta particolarmente a sperimentare le nuove tecnologie della cosiddetta ‘Terza rivoluzione industriale’. Con questa svolta diamo anche effettiva realizzazione alle politiche climatiche ed energetiche dell’Unione Europea (il 20-20-20), che prevede il venti per cento in piu’ di efficienza energetica; venti per cento in meno di emissioni che alterano il clima e venti per cento di energia rinnovabile entro il 2020′. In Sicilia  – dice il governatore siciliano – l’obiettivo e’ ‘5-5-5. Cioe’ in Sicilia ci sono 5 milioni di abitanti, sono previsti 5 miliardi di euro di investimento e 5 anni perche’ le energie rinnovabili diventino patrimonio della comunità”.

Sul sito ufficiale della Regione Sicilia, comunque, il PEARS ancora non c’è. In rete ci sono alcune bozze, come questa. Confindustria Sicilia avrebbe chiesto modifiche al capitolo sulla produzione di energia da biomasse, chiedendo di allargare il raggio di provenienza dei materiali da trasformare, fissato a settanta chilometri. Ci sono poi le perplessità di Legambiente. Alcune considerazioni “sono condivisibili”, come la decarbonizzazione del parco elettrico siciliano, la promozione dell’innovazione tecnologica, la riduzione degli impatti del settore trasporti, il risparmio energetico, l’uso dell’idrogeno per l’accumulo dell’energia, ma non supportate da norme precise che possano consentirne una concreta attuazione”. Legambiente chiede che il Piano “venga sottoposto ad una reale valutazione ambientale strategica”.

Il dubbio è legittimo. Quante volte sono stati annunciati piani faraonici che poi sono rimasti tali? Nel caso siciliano si può solo sperare che la montagna non partorisca un topolino e che il coinvolgimento di Rifkin non sia soltanto un fiore all’occhiello.


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da Pino Bruno

  • Pingback: Notizie dai blog su Le Smart Grid, Internet dell’Energia Elettrica()

  • Pingback: Grid Computing ovvero l’unione fa la forza con XtreemOS | Video Folli()

  • Mi permetto di consigliarvi la visione dell'ultimo post del mio blog, proprio su questo argomento.
    http://net.essenzialeonline.it/perfortunasonosicu

  • Per niente! Se siamo fortunati Framatome ci darà la 2^ o la 3 ^ gen. Io credo che in assoluto (e per i miei nipoti, in ogni caso) serva che ENEL torni a studiare/produrre il nucleare di 4^, che alla fine (fusione esclusa) consentirà ancora ai cinesi e agli indiani di moltiplicarsi in un mondo più pulito…Gli ecologisti chic stanno diventando pericolosi per il pianeta!

  • @ Verio

    ma le centrali di cui parla Scajola sono di IV generazione?

  • Appunto, si annuncia…stiamo a vedere. Personalmente comincio a stufarmi dei patentini e bollini blu che il buon Rifkins distribuisce in tutta Italia. A ben guardare, anche la questione nucleare deve essere assolutamente de-ideologizzata, perchè non sia lasciata, poi, nelle mani dei soli francesi. Sia sul grid distribuito che sulla geotermia questo paese non ha da invidiare nulla a nessuno…sono un convinto "solare", ma credo che questo pianeta (e perchè no l'Italia) abbia bisogno del nucleare di IV gen a sicurezza intrinseca. Ma come al solito, a sinistra, non ci si pensa più di tanto, e lasciamo che anche Rifkins ci venga a fare lezioni sul complesso militare-nucleare.. (per carità è un problema, ma non IL problema!). Siamo il paese di Fermi, ma nessuno dice che la sicurezza intrinseca potrebbe essere una soluzione a 10 anni, anzichè a 30! Mi chiedo perchè.. e come si fa a combattere il surriscaldamento globale senza un BUON nucleare. Demonizzare Berlusconi e il nucleare tout court fa male ai nostri cervelli. Lo smart grid va benissimo, ma le reti di distribuzione di grandi potenze elettriche devono rimanere a 380kV se non vogliamo tornare indietro al Medioevo.

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
marzo: 2009
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031