Il Blog sta subendo alcuni interventi di manutenzione e aggiornamento, pertanto nei prossimi giorni si potrebbero riscontrare rallentamenti o malfunzionamenti.Ci scusiamo per il disagio.

Navigatori satellitari: diavolo di un Becker!

Diavolo di un Becker! Questa non l’avevo mai vista. Navigare nelle città tra palazzi e monumenti riprodotti nelle loro proporzioni tridimensionali.  Il percorso non appare solo a volo d’uccello ma viene simulata la realtà urbana, il che facilita non poco, quando si è alla guida e ci si deve muovere  tra cartelli, segnali e, buon’ ultima, la voce sintetica del navigatore. Ho avuto tra le mani per qualche tempo un Becker Traffic Assist Z 201 e vi racconto la mia esperienza. Lo so, non è l’ultimo modello, ma è il mio primo Becker. Il nome è brutto assai (perchè si ostinano a chiamarli con sigle e numeri così astrusi? Non si potrebbero usare nickname più orecchiabili, chessò, Diogene?) ma l’aggeggio merita più di un’attenzione, se si è in procinto di acquistare un navigatore. E’ vero che altri brand hanno politiche di marketing più aggressive, ma Becker nel 1949 faceva già le autoradio e dunque di esperienza ne ha accumulata. Andiamo per ordine.

Se il buongiorno si vede dal mattino, un navigatore deve colpire non solo per il contenuto, ma anche per il contenitore.  Traffic Assist Z 201 ha una scocca robusta e si vede che il concept è tedesco. Anche l’unico pulsante, in basso a sinistra, sembra elastico e resistente alle continue pressioni. Robusto anche il sopporto a ventosa, al quale si collega l’antennina TMC inclusa nella confezione. L’accensione è rapida e l’interfaccia abbastanza intuitiva. Basta usarlo qualche ora, la prima volta, anche senza sfogliare il manuale, per capire cosa fare. Il processore a 400 Mhz fa sentire la sua potenza di calcolo, perchè la navigazione è fluida, senza scatti, e il ricalcolo dei percorsi immediato. Le istruzioni vocali con il Text to speech sono ben sincronizzate. Il suggerimento arriva quando ce n’è bisogno e non dopo, come mi è accaduto con altri navigatori. Con Traffic Assist Z 201 non c’è poi l’angoscia da tunnel, quando il segnale scompare e non sai cosa ti aspetta dopo . Anzi, il navigatore si accorge che è buio e regola l’illuminazione in modo appropriato. Stessa cosa lungo le autostrade, con i cartelli da seguire che si accendono di colori più intensi.

Il punto di forza del Becker è senz’altro il visualizzatore tridimensionale del percorso. Non so in quante città funzioni. L’ho provato a Roma e va bene. Immagino che ci siano tutte le grandi città europee. A proposito, le mappe Navteq includono quaranta paesi.  Ho apprezzato anche il ricevitore Traffic Message Channel, accessorio incluso nel prezzo. In parecchi casi ha fornito indicazioni utili e sappiamo bene che questo servizio in Italia è ancora deludente.  Un po’ inadeguati, per quantità e varietà, i POI e le destinazioni particolari. Si potrebbe fare di più. Ci sono altre funzioni che, personalmente, ritengo superflue: lettore di foto, musica, video e qualche giochino. Insomma, una bella macchinetta per viaggiare tranquilli e sicuri di non perdere mai la rotta. E poi, visto che si tratta di un modello non recentissimo, non costa tantissimo, duecento euro, centesimo più, centesimo meno.


Twitter: @pinobruno

Pubblicato da Pino Bruno

  • Beh, beker, garmin blaupunkt, e rayton non sono certo delle mezze cartucce: fabbricavano strumenti per avionica, gps, satelliti ed elettronica quando il 90% delle sconosciute aziende che oggi fanno parlare i peones non esistevano o addirittura non esistevano i loro fondatori.

    Blaupunkt costruiva avionica durante la 2da guerra mondiale, ha catruito la prima autoradio e la prima autoradio integrante il gps.

    Garmin e rayton hanno praticamente realizzato il gps, lavorano nell'avionica, nelle barche, navi… e chi non ricorda i patriot?

    Aziende senza nessuna innovazione come tomtom, mio &c hanno solo sfruttato minimizzandoli i costi della mano d'opera non protetta, i vantaggi fiscali (guardate dove pagano le tasse) ed un ottimo marketing. Grazie ad ingenti guadagni hanno di recente rilevato le aziende storiche di tecnologia e know how congelando di fatto il progresso tecnologico.

    un pompom di oggi va meno bene come precisione del fix di un GPSIII di garmin, e non si accorge se il segnale e' degradato o incoerente, provare per credere.

  • Pingback: Navigatori satellitari esposti agli attacchi dei pirati informatici? | Video Folli()

  • Recensione dettagliatissima!

    Hai toccato davvero un punto sul quale in Becker si stanno concentrando molto, ossia l'aggiunta di servizi che migliorino ulteriormente la navigazione, tipo appunto i POI.
    Mi permetto di segnalarti che se vai sul sito http://www.mybecker.com , nella sezione download sono disponibili (gratuitamente) tutta una serie di categorie di punti di interesse che carichi sul navigatore in base alle tue preferenze.
    Al momento dell'acquisto non ci sono perché l'impressione dello schermo tempestato di icone è funesta. Il fatto di avere solo quelli realmente di interesse invece è molto più comodo.

    buona serata!

Pino Bruno

Scrivo per passione e per dovere, sono direttore di Tom's Hardware Italy, ho fatto il giornalista all'Ansa e alla Rai e scrivo di digital life per Mondadori Informatica e Sperling&Kupfer

Alcune delle mie Pubblicazioni
Stay in Touch

Sono presente anche sui seguenti social networks :

Calendario
maggio: 2009
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031